Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Caso Orlandi: “La Banda della Magliana sa tutto”

Secondo quanto riferito dal Procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo insieme con il sostituto Simona Maisto, la Banda della Magliana sarebbe al corrente degli avvenimenti riguardo la scomparsa di Emanuela Orlandi. Sotto osservazione Manlio Vitale

"Siamo convinti che la Banda della Magliana sappia che fine abbia fatto Emanuela Orlandi."
Queste le parole del Procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e il sostituto Simona Maisto.

"Per far luce sulla sua scomparsa - continua Capaldo - stiamo monitorando attività passate e presenti dell'organizzazione e faremo altrettanto anche per quelle future degli ex appartenenti, di coloro che facevano parte di questa holding criminale".

Secondo quanto si è appreso, nella rete delle persone sotto controllo per la scomparsa della ragazza, figlia di un dipendente del Vaticano, è finito Manlio Vitale, 61 anni, noto come "Er Gnappa", arrestato il 3 ottobre scorso a Caserta, con altre 6 persone, durante un tentativo di rapina in una banca.

L'uomo sembra essere collegato a Enrico De Pedis e a Maurizio Abbatino.

Infatti, dalle testimonianze rilasciate a proposito del caso Orlandi da Maurizio Giorgetti, 56 anni, ex esponente dell'estrema destra romana, risulta che abbia sentito I due esponenti della Banda della Magliana mentre parlavano del rapimento della ragazza.
Secondo l'ipotesi di Giorgetti, il rapimento di Emanuela potrebbe essere stato attuato con l'obiettivo di recuperare denaro appartenuto a Vitale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Orlandi: “La Banda della Magliana sa tutto”

RomaToday è in caricamento