Ndrangheta: trafficante di droga venezuelano scovato al Flaminio

Edmundo Josè Salazar Cermeno era vicino alla cosca Aquino-Coluccio. Ricercato dal 2011 è stato associato al carcere di Regina Coeli a disposizione delle Autorità Giudiziarie di Roma e di Reggio Calabria

Edmundo Josè Salazar Cermeno

Era ricercato dal luglio 2011, Edmundo Josè Salazar Cermeno, venezuelano di 43 anni, vicino alla potente cosca della 'Ndrangheta "Aquino - Coluccio": i finanzieri del Comando Provinciale di Roma lo hanno arrestato in un hotel di Roma, in zona Flaminia. Le Fiamme Gialle del Gico (Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata) del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma, con il contributo del Goa (Gruppo Operativo Antidroga), hanno individuato il ricercato, noto anche come "Mundo" o "Il chimico" che era sfuggito all'esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere per traffico di sostanze stupefacenti emessa il 6 giugno 2011 dal Tribunale Ordinario di Reggio Calabria.

OPERAZIONE CRIMINE 3 - All'epoca, nell'ambito dell'operazione "Crimine 3", venne scoperto un traffico di cocaina, metamfetamine e cannabis tra il Sud America, il Nord America e l'Europa; la cosca "Aquino-Coluccio", che opera nel territorio di Marina di Gioiosa Ionica (in provincia di Reggio Calabria), attraverso una componente radicata a New York si riforniva di droga dal Cartello del Golfo e dalle squadre di mercenari paramilitari dette "Los Zetas", egemoni in Messico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A ROMA PER AMPLIARE GLI AFFARI - Quando è stato bloccato Salazar, titolare in Venezuela di una ditta nel settore dell'edilizia, ha sostenuto di essere a Roma per cercare di ampliare i propri affari commerciali in Italia. Secondo gli investigatori, l'arresto del venezuelano "conferma il ruolo centrale della Capitale non solo quale luogo di 'ricovero' di latitanti" ma anche "quale piazza privilegiata, su cui reinvestire gli enormi capitali illecitamente acquisiti, soprattutto attraverso grandi operazioni di narcotraffico internazionale". Il latitante è nel carcere di Regina Coeli a disposizione delle Autorità Giudiziarie di Roma e di Reggio Calabria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento