rotate-mobile
Cronaca Nettuno

Agenti si fingono operai e fanno scattare il blitz: armi e droghe trovate in casa

Trovata e sequestrata sostanza stupefacente, una pistola Beretta calibro 22 con 20 proiettili e un fucile marca Bernardelli calibro 12

Si sono finti operai dell'Enel pronti per controllare i contatori. Un escamotage per farsi aprire la porta di casa da un 47enne di Nettuno e iniziare così il blitz anti droga. La mossa dei poliziotti è stata di quelle giuste. In quella casa tenuta sotto controllo, infatti, sono state trovate armi e dosi pronte per lo spaccio.

Così i controlli hanno permesso di rinvenire all'interno di un barattolo 16  involucri di plastica bianca contenente cocaina e 95 euro, in un altro barattolo sono stati trovati ulteriori 6 involucri di carta di alluminio e carta trasparente contenente hashish.

Nel garage dell'abitazione gli agenti hanno ritrovato, all'interno di un armadio c'erano un bilancino di precisione, del materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi, una scatola contenente una Beretta calibro 22 completa di caricatore con 9 cartucce, altri 11 proiettili sfusi, un secondo caricatore vuoto e una custodia per fucili contenente un fucile calibro 12, marca Bernardelli, privo di munizionamento.

Entrambe le armi sono risultate rubate. Infine, all'interno di una scatola dentro lo stesso armadio, c'erano 7 bottigliette di plastica piene di una sostanza liquida tipo metadone, per un peso complessivo di quasi 800 grammi.

Al termine degli accertamenti l'uomo è stato arrestato perché gravemente indiziato del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, ricettazione e detenzione abusiva di armi.  La procura di Velletri ha chiesto e ottenuto, dal gip la convalida dell’arresto per il 47enne. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agenti si fingono operai e fanno scattare il blitz: armi e droghe trovate in casa

RomaToday è in caricamento