Cronaca San Lorenzo

Verano: porta i fiori alla madre e si uccide lanciandosi nel vuoto

La donna, 62 anni, non aveva né parenti, né amici. Abitava nella zona di San Pietro ma di recente aveva cambiato quartiere. Lo stress da trasloco, ma soprattutto la solitudine alla base del gesto estremo

Uccisa dallo stress da trasloco, dal cambio di quartiere, ma soprattutto dalla solitudine. Una donna di 62 anni si è suicidata gettandosi da una tromba delle scale di una cappella del cimitero monumentale del Verano.

La 62enne ha prima reso visita alla madre, sistemati i fiori davanti alla sua lapide e poi ha deciso di compiere il gesto estremo gettandosi tredici metri più sotto.

Nessuno, né un parente, né un amico, ha reclamato il suo corpo. La salma sarà sottoposta ad autopsia, ma appare chiaro che si sia trattato di un suicidio. La donna abitava nella zona di San Pietro ma recentemente si era trasferita in un altro domicilio, ma nessuno dei vecchi vicini di casa è stato ancora in grado di dire ai carabinieri la zona.

"Era una donna sola, senza figli” ha spiegato un carabiniere, “e forse lo stress del trasloco, il cambiamento di quartiere, di abitudini oltre alla solitudine, sono stati fatali per la sua situazione psicologica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verano: porta i fiori alla madre e si uccide lanciandosi nel vuoto

RomaToday è in caricamento