Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca Marconi / Piazza Augusto Righi

Marconi: picchiata davanti la figlia minorenne e costretta a stare senza cellulare

Il ciclo della violenza si è interrotto quando gli agenti della Squadra Mobile lo hanno rintracciato poche ore dopo l'ultima aggressione

Picchiata, umiliata e costretta a stare senza cellulare. E' finito l'incubo di una donna vittima del suo compagno, un 46enne, arrestato dopo una approfondita indagine dagli investigatori della Polizia di Stato che hanno eseguito una ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere nei confronti dell'uomo con numerosi precedenti di polizia, per i reati di atti persecutori e lesioni personali aggravate.

Il provvedimento è stato emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma a seguito delle reiterate condotte violente e ossessive dell'indagato nei confronti di una donna di quarant'anni, con la quale aveva avuto una relazione sentimentale.

La vittima, nelle sue sofferte e mai contraddittorie dichiarazioni, ha ripercorso davanti agli inquirenti il suo drammatico vissuto, dal loro primo incontro avvenuto anni prima, fino a quando è cresciuta in lei la paura ed è maturata la decisione di dover trovare il modo di uscire dal clima di violenza in cui viveva quotidianamente, a causa della ossessiva gelosia dell'uomo.

Prima di trovare la forza di reagire, la vittima ha subìto per anni abusi fisici e psicologici: lui la disprezzava, offendeva, umiliava, le sequestrava il telefono e, nel corso di furenti discussioni a cui dava origine per futili motivi, la picchiava e distruggeva gli oggetti che gli capitavano a tiro, non curandosi della presenza della figlia minorenne.

L'aveva isolata da ogni contesto relazionale e, ogni volta che lei tentava di porre fine al rapporto, la tempestava di telefonate, le citofonava insistentemente e cercava la riappacificazione, per poi ricominciare a picchiarla e insultarla subito dopo.

Il ciclo della violenza si è interrotto quando gli agenti della Squadra Mobile lo hanno rintracciato poche ore dopo l'ultima aggressione, e lo hanno associato presso la Casa Circondariale di Regina Coeli a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marconi: picchiata davanti la figlia minorenne e costretta a stare senza cellulare

RomaToday è in caricamento