rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Cronaca Castel Gandolfo

Castel Gandolfo, secondo giorno di ricerche: sommozzatori cercano 33enne inghiottito dal lago

L'uomo, siciliano ma residente a Roma est, era sulle rive del lago dei Castelli con il fratello e la fidanzata. Oggi le ricerche anche con l'aiuto di speciali robot

Sono ore di ansia per i familiari e gli amici del 33enne disperso e inghiottito nel lago di Castel Gandolfo, uno dei più pericolosi della periferia di Roma, nel pomeriggio di lunedì 5 agosto.

C.P.B., queste le sue iniziali, stava facendo il bagno su un materassino. Era entrato in acqua verso le 14 e, un'ora dopo, un gruppo di ragazzi usciti con i pedalò dopo averlo visto dimenarsi nel lago sono rientrati per dare l'allarme. Verso le 16, quindi, sono iniziate le ricerche durate fino al calare del sole.

Sul posto un elicottero e i sommozzatori dei vigili del fuoco, la protezione civile e gli agenti della polizia di stato con il commissariato di Albano impegnato lungo le coste. La prima parte delle ricerche ha dato esito negativo. 

Dalle 6 di questa mattina i disperativi tentativi dei soccorsi sono ripresi e le ricerche dei sub si sommeranno a quelle dei robot scandagliatori. Più le ore passano e più le speranze si affievoliscono.

L'uomo, originario di Naro (Agrigento), da anni vive a Roma, nel quartiere di Castelverde, dove lavora come elettricista. Era ai Castelli Romani con il fratello e la sua fidanzata. L'anno scorso per individuare la salma di Elnur Babayev, 29 anni, sono ci vollero 17 giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castel Gandolfo, secondo giorno di ricerche: sommozzatori cercano 33enne inghiottito dal lago

RomaToday è in caricamento