Cronaca

Lavoro, nel 2007-2010 nel Lazio il 10% in meno di giovani occupati

Secondo uno studio di Confartigianato, nel triennio 2007-2010 ci sono stati 66mila giovani under 35 in meno nel mercato del lavoro. La provincia di Roma ha il tasso regionale più basso dopo Rieti

Gli effetti della crisi economica globale si abbattono sul mondo del lavoro e soprattutto sulla fascia d’età dei lavoratori più giovani. Nel Lazio, se si considera il triennio 2007-2010 manca all’appello il 10% degli occupati under 35, il che equivale a dire che ci sono stati 66 mila giovani in meno al lavoro. Un risultato non pienamente negativo, se si considera la media italiana, la cui flessione si attesta al 13,6%. E' quanto emerge da una ricerca condotta a livello nazionale dalla Confartigianato a luglio, che dopo l'estate ha preso in esame i dati relativi alla provincia di Roma.

Analizzando proprio la provincia di Roma, il tasso di disoccupazione degli under 35 è del 16,2%, la percentuale più bassa nel Lazio dopo Rieti. Il livello di disoccupazione degli under 35 nella provincia reatina si attesta infatti al 15,5%, a Roma al 16,2%, a Frosinone del 18,5%, a Latina del 19,1% e a Viterbo del 23%. Nella provincia della Capitale i giovani disoccupati fra i 15 e i 24 anni sono il 30,5%, percentuale che scende al 12,3% per i ragazzi tra i 25 e i 34 anni.

Per quanto riguarda le divisioni rilevanti dell'artigianato che nel territorio della provincia di Roma mostrano tassi di sviluppo positivo spiccano i settori della riparazione, manutenzione e installazione di macchine e apparecchiature (9,4%), le attività di servizi per edifici e paesaggio (5,4%) e le attività dei servizi di ristorazione (3,5%). Il tasso di sviluppo positivo rilevato tra marzo 2010 e marzo 2011 calcola la differenza tra imprese iscritte e le cessate non d'ufficio dal secondo trimestre 2010 al primo trimestre 2011. (Fonte Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, nel 2007-2010 nel Lazio il 10% in meno di giovani occupati

RomaToday è in caricamento