Cronaca Piazzale della Stazione Tiburtina

Incendio Tiburtina: per i pendolari della Roma - Tivoli disagi fino ad ottobre

Proseguiranno fino agli ultimi giorni di Ottobre i disagi dei pendolari della linea Fr2. Problemi anche per la Orte-Roma-Fiumicino aeroporto e per i treni in arrivo dall'Umbria e da Orte. La Regione propone Termini come stazione di appoggio

L’incendio avvenuto lo scorso 24 Luglio alla sala controllo e alla cabina elettrica, dalle quali si manovravano i binari, della Stazione Tiburtina continua a creare disagi ai pendolari. In particolare i viaggiatori più colpiti continuano i diecimila che usano ogni giorno la Fr2, vale a dire la Roma Tivoli.

Il servizio, secondo quanto riporta il Messaggero, non tornerà regolare prima della fine di Ottobre. Fino ad allora l’unica soluzione proposta da Trenitalia è stata quella di fissare il capolinea di una parte dei treni alla stazione Prenestina; decisione che comporta però evidenti grattacapi, visto che lì non c’è metropolitana e quindi il pendolare dovrebbe poi spostarsi con l’autobus.

LA PROMESSA DEL SINDACO – “Ci vorrà almeno un mese” aveva detto poco dopo l’incendio il Sindaco Gianni Alemanno. Affermazione non coerente con i fatti odierni, che dimostrano chiaramente l’esigenza di un lasso maggiore di tempo. La settimana scorsa si è svolto un vertice fra i dirigenti della Regione e quelli delle Ferrovie: questi ultimi hanno spiegato al Messaggero.it che i treni della Fr 2 non possono ancora fermarsi a Tiburtina, l’unica soluzione praticabile, fino al 29 Ottobre, è quindi quella di attestarli a Prenestina.

LA LETTERA A TRENITALIA – La Regione Lazio è intervenuta sul caso tramite l’Assessore ai Trasporti Francesco Lollobrigida, che in una lettera indirizzata a Trenitalia auspica: “I pendolari non devono pagare le conseguenze dell’incendio”. La proposta della Regione sarebbe quella di fare arrivare tutti i treni della Fr 2 a Termini dove, con l’ausilio della Metro, sarebbe più facile ammortizzare i disagi dei pendolari. L’azienda di Trasporti non sembrerebbe d’accordo con questa proposta, che potrebbe congestionare la situazione a Termini considerata la piena attività di questi giorni di fine estate. La trattativa continua, e intanto Trenitalia rende noto: “Sono in corso di realizzazione due nuovi binari, il 26 e il 27, che permetteranno, entro Ottobre, di attestare anche i treni della Fr2 alla stazione Tiburtina”.

NON SOLO FR2 - A pagare le conseguenze del rogo non sono solo i viaggiatori della linea Fr2; è presente anche il problema della Fr1, la Orte-Roma-Fiumicino aeroporto: attualmente i convogli fermano a Tiburtina, ma si garantisce una frequenza ridotta (ogni mezz’ora), con l’ipotesi di tornare alla normalità il 29 Agosto (un treno ogni 15 minuti).

Infine, da Tiburtina passavano anche i treni in arrivo dall’Umbria e da Orte: questi, in alcuni casi, vengono deviati su Termini, in altri si fermano a Orte. Questo scenario, dal 24 Luglio ad oggi, è risultato sostenibile grazie al minore numero dei pendolari presenti nelle ferie estive. Da Settembre, però, tutto cambierà e l’ipotesi di far fermare parte dei treni della Fr2 a Prenestina, fino al 29 Ottobre, sta alimentando proteste e preoccupazioni.

LE INDAGINI - Continuano, intanto, le indagini volte a dedurre le cause dell’incendio. Il pm Barbara Sargenti, sempre secondo la testata romana, avrebbe escluso la prima ipotesi legata ad un eventuale furto di rame come causa del rogo. Non si capisce, quindi, perché i sistemi di prevenzione non abbiamo funzionato ed i periti stanno seguendo la pista del dolo, scartata invece nelle primissime battute dell’indagine.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio Tiburtina: per i pendolari della Roma - Tivoli disagi fino ad ottobre

RomaToday è in caricamento