Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Garbatella / Largo Lamberto Loria

I dipendenti furbetti di Largo Loria: il caso finisce in Procura

Dopo il video delle Iene e il successivo sdegno del Sindaco Alemanno (che ha annunciato un'inchiesta interna), la Procura di Roma ha deciso di aprire un fascicolo e di procedere per il reato di truffa ai danni del Comune di Roma

Finisce in tribunale il caso dei dipendenti comunali assenteisti o "pluribeggiatori" filmati da Le Iene negli uffici di Largo Loria. Dopo l'annuncio del Sindaco Alemanno relativo alla presentazione di una denuncia, la Procura di Roma ha deciso di aprire un fascicolo e di procedere per il reato di truffa ai danni del Comune di Roma. Al momento non sono stati ancora avviati gli accertamenti da parte dei pm: il primo passo sarà, comunque, quello di capire le dimensioni e la gravità del fenomeno.

IL CASO - A far esplodere il caso è stato un servizio de Le Iene, a firma di Filippo Roma, in cui venivano mostrati dipendenti che beggiavano e poi uscivano dall'ufficio di Largo Loria per andare al bar, al supermercato o ad accompagnare i figli a scuola. Il tutto nell'orario di lavoro. Il servizio ha ripreso anche dipendenti che beggiavano per conto di colleghi, con beggiata doppia quando non tripla.


IL SINDACO - Ieri Alemanno ha dichiarato tutto il suo sdegno per la vicenda. "Si tratta di un video che lede l'immagine di Roma Capitale, ma soprattutto degli oltre 25 mila dipendenti capitolini che, ogni giorno, con senso del dovere e professionalità, svolgono regolarmente il proprio lavoro. Per questo, - ha aggiunto Alemanno - chi si e' reso responsabile di queste vere e proprie truffe deve risponderne personalmente. Abbiamo gia' inviato a Mediaset, che ringraziamo per la collaborazione che ci ha garantito, la richiesta dei filmati integrali del servizio in questione in modo da poter velocizzare le dovute verifiche e ispezioni".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I dipendenti furbetti di Largo Loria: il caso finisce in Procura

RomaToday è in caricamento