Cronaca

Detenuto evaso al Pertini, così è scappato un ladro: è caccia all'uomo. Secondo caso in tre mesi

Il fuggitivo ora dovrà rispondere non solo dei reati di rapina e scippo che lo hanno portato alle manette, ma anche quello di evasione

Si è staccato la flebo ed è fuggito. Da domenica si sono perse le tracce di un detenuto che era stato bloccato il giorno prima dopo una serie di scippi a Centocelle. Il malvivente, un romano 31enne, era stato fermato sabato non lontano dal Parco Maria Teresa di Calcutta, su viale Palmiro Togliatti.

Appena si è ritrovato alle costole i carabinieri, per evitare l'arresto, è andato subito in escandescenze. Quindi, dopo l'arresto, la visita al Pronto Soccorso dell'ospedale Pertini, per i controlli di rito. Qui  è bastato un attimo di distrazione e l'arrestato si è dileguato. La caccia all'uomo è scattata immediatamente. L'uomo è ricercato. Sull'evasione ora indaga la procura di Roma. Il fuggitivo ora dovrà rispondere anche del reato di evasione.

Ad agosto un altro detenuto era riuscito ad eludere la sorveglianza e a scappare dal Pertini, dove era stato accompagnato dal carcere di Rebibbia per essere sottoposto a una visita medica. Si trattava di Vincenzo Sigigliano, 47 anni, arrestato in Messico ed estradato un paio di settimane prima a Roma dove avrebbe dovuto scontare sette anni di carcere. L'uomo era fuggito con le manette dopo aver ingannato i medici. In quel caso la cattura era avvenuta sei giorni dopo in un appartamento del napoletano.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto evaso al Pertini, così è scappato un ladro: è caccia all'uomo. Secondo caso in tre mesi

RomaToday è in caricamento