Cronaca Tor Bella Monaca

Tor Bella Monaca, la denuncia di una mamma smantella la piazza di spaccio da 220mila euro settimanali

Il gip Balestrieri: "Il capo indiscusso deve considerarsi Marco Maruca, nonché promotore e organizzatore del sodalizio"

La richiesta di un "intervento urgente per bloccare i flussi di spaccio", considerata la tanta - troppa - "preoccupazione dopo le diverse intossicazioni di giovani che fanno uso di droga". Il grido di aiuto disperato è arrivato da una mamma di Tor Bella Monaca. Con il suo coraggio ha squarciato il velo sull'omertà che contraddistingue le zone che si facciano sulle piazze di spaccio aperte h24 a Roma est.

La denuncia di una mamma coraggio

E' stato grazie all'esposto di un genitore, una mamma mai rintracciata (si legge nell'ordinanza del gip Pierluigi Balestrieri) che i Carabinieri della Compagnia di Frascati hanno stretto il cerchio attorno alla piazza di spaccio di via Camassei, smantellata nell'operazione, coordinata dal procuratore aggiunto della Dda Ilaria Calò e dai pm Simona Marazza e Silvia Sereni, che ha portato a 35 misure cautelari.

La mamma coraggio nel suo esposto indicava anche i punti dello spaccio: via Camassei, tra i numeri 27 e 29 alle scale A e C. Informazioni poi confermate da un collaboratore di giustizia, che ha riferito di una costante attività di spaccio svolta da "un cospicuo numero di persone, tra cui pusher e vedette".

Il comandante dei carabinieri: "Così abbiamo smantellato la piazza di spaccio"

Le indagini sullo spaccio in via Camassei

Dalle loro dichiarazioni sono partite le indagini nel 2016. Racconti, testimonianze e perquisizioni serrate e piccoli (solo nel numero degli arresti) blitz mirati che, nel corso dell'investigazione, hanno portato anche all'arresto in flagranza di 85 persone tra pusher e vedette, e al sequestro di una raffineria di droga a Fiano Romano.

I carabinieri del Nucleo operativo di Frascati, per disegnare meglio i confini dello spaccio di via Camassei e della gerarchia della banda hanno installato telecamere esterne nella piazza ed esaminando i filmati hanno potuto osservare il modus operandi dell'organizzazione, tra cui l'utilizzo di auto come nascondiglio per la droga.

spaccio-7-9

Com'era organizzata la piazza dei Maruca

"Marco Maruca deve considerarsi capo indiscusso - scrive il gip Pierluigi Balestrieri nell'ordinanza - nonché promotore ed organizzatore del sodalizio, posto che questi gestisce i rapporti con i fornitori del narcotico impartendo articolate direttive ai suoi più stretti sodali, impartisce direttive in merito al taglio e al confezionamento dello stupefacente secondo quanto desumibile ad esempio dalla conversazione trattenuta con uno dei sodali "questi 'e fai tutti zero quattro… se fai uno e dodici quanto devi fa… dodici grammi ci devi mettere… se escono quattro pallette". Maruca inoltre "gestisce la piazza di spaccio, controllando, direttamente o indirettamente, le eventuali fonti di pericolo, stabilendo i turni di lavoro e comminando sanzioni in caso di inosservanza delle direttive". Per queste attività si faceva aiutare da stretti familiari: il padre e la sorella e il compagno di quest'ultima.

Marco Maruca, detto 'Ciuchino' o 'Jack', era appunto il capo. Al suo stretto fianco il padre, Pietro Maruca detto 'Taricone' e la sorella Roberta Maruca sposata con il Daniele Lioniello, detto 'Lele', anche lui arrestato e già nei guai dopo l'operazione Gemini.

Secondo il Gip, Pietro Maruca - si legge - inteso 'Taricone' "aveva il ruolo di esattore di somme di denaro provento di spaccio, di percettore in prima persona di alcune dosi di stupefacente, e di consigliere del gruppo; quanto alla sorella Roberta Maruca appare ampiamente coinvolta nelle dinamiche gestite dal fratello svolgendo il ruolo di supervisione della piazza di spaccio con poteri di intervento, controllo e organizzazione dei turni di lavoro, poteri evidentemente riconosciutile dai diversi sodali proprio in ragione del legame familiare esistente con il capo del sodalizio. Maruca passando - prosegue il gip - in via Camassei con il fidanzato aveva chiesto a una donna se il gruppo stesse lavorando 'ma state a lavora'?' e a fronte della risposta negativa dell'interlocutrice aveva assicurato che al più presto avrebbe informato chi di dovere al fine di ristabilire l'operatività della piazza".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tor Bella Monaca, la denuncia di una mamma smantella la piazza di spaccio da 220mila euro settimanali

RomaToday è in caricamento