Napolitano firma il decreto: Cristian Ramos sarà italiano

Il ragazzo di origine colombiana, si era visto negare la cittadinanza italiana perchè affetto da sindrome di down e ritenuto incapace di prestare giuramento. Oggi la famiglia ha ricevuto la notizia che Cristian sarà presto italiano

Si è finalmente conclusa la travagliata storia di Cristian Ramos, il diciotenne affetto da sindrome di Down, figlio di madre colombiana che si era visto respingere la richiesta di cittadinanza italiana perché ritenuto incapace di prestare giuramento, passo obbligatorio per completare tale iter burocratico.

19 GIUGNO - Oggi la famiglia ha ricevuto la lieta notizia tramite una comunicazione ufficiale: Cristian dovrà presentarsi il 19 giugno all'anagrafe del quartiere in cui risiede per prestare giuramento. Il decreto di concessione di cittadinanza è stato infatti finalmente approvato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Al settimo cielo la madre del ragazzo, Gloria Ramos:“Siamo felicissimi, finalmente si conclude questo lungo percorso di riconoscimento dei diritti di mio figlio e, speriamo, per tutte le persone con sindrome di Down. Ora speriamo che facciano una legge che dia questo diritto a tutti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

MODIFICARE LA NORMATIVA - Ha commentato la vicenda, ponendo l'attenzione sulla necessità di adeguare la legge sull'acquisizione della cittadinanza, anche Andrea Sinno, operatore di Telefono D,  il servizio telefonico dell'Associazione Italiana Persone Down, che ha seguito il caso: “Dopo aver supportato in ogni modo possibile questa sacrosanta battaglia ci uniamo alla felicità di Cristian e di mamma Gloria, sperando che il buon esito della vicenda serva a richiamare l’attenzione sulla necessità delle modifiche alla normativa in tema di acquisizione della cittadinanza (L. 91/92) nelle parti in contrasto con quanto disposto dall’art. 18 della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, ratificata dall’Italia con L. 18/09.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

  • Centro commerciale Maximo, salta l'inaugurazione: le insegne sono coperte e sull'apertura cala il silenzio

  • Coronavirus, ecco perché Roma è messa meglio di altre grandi città: i numeri spiegati dagli esperti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento