rotate-mobile
Cronaca

Cospito, sabato di scontri e tensione a Roma per il corteo degli anarchici

I manifestanti, partiti da piazza Vittorio, hanno deviato su via Prenestina. Qui hanno sono iniziati gli atti vandalici e i lanci di oggetti contro la polizia: tre persone portate in questura

Lanci di bottiglie, auto danneggiate e qualche momento ad alta tensione con la polizia, con tre persone accompagnate in questura per accertamenti. È il bilancio del corteo organizzato sabato pomeriggio a Roma in solidarietà ad Alfredo Cospito, l’anarchico detenuto al 41bis attualmente nel carcere di Opera, a Milano, e in sciopero della fame da oltre 100 giorni.

La galassia anarchica si è data appuntamento intorno alle 15 di sabato in piazza Vittorio Veneto, e da lì si è mossa inizialmente in direzione San Giovanni, come preannunciato. In testa striscioni che recitavano “Al fianco di Alfredo, contro il 41 bis e l'ergastolo ostativo", e ancora "Il carcere uccide”: un corteo che nel momento di maggiore partecipazione era composto da circa 800 persone, tra cui alcune con il volto coperto da passamontagna neri, e che è stato tallonato da mezzi blindati e agenti di polizia in tenuta anti sommossa.

I momenti di massima tensione si sono registrati quando i manifestanti hanno deviato in via Prenestina e sono arrivati sotto il deposito Atac, lanciando bottiglie, petardi e fumogeni verso gli agenti. Infranti i vetri di una macchina della vigilanza privata parcheggiata in strada, incendiata una cabina elettrica e danneggiate alcune paline delle fermate dell'autobus. Alcuni, dopo avere rovesciato cassonetti, hanno tentato di costruire delle barricate e hanno iniziato a lanciare appunto bottiglie e sassi: è qui che la polzia è intervenuta, con alcune cariche di alleggerimento culminate poi con tre persone bloccate e successivamente portate in questura. La loro posizione è ancora al vaglio. 

Galassia anarchica in fermento per Alfredo Cospito

Per giorni le forze dell’ordine hanno lavorato ai servizi di ordine pubblico per la giornata di sabato, con il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, che mercoledì aveva riunito i vertici delle forze dell’ordine e dell’intelligence. Giovedì aveva invece presieduto in prefettura il comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica convocato dal prefetto Bruno Frattasi, in cui si è discusso anche della mobilitazione dell’area anarchica contro il 41bis in solidarietà a Cospito. 

Un’attenzione massima da parte delle forze dell'ordine, complici i disordini della scorsa settimana a Trastevere, diventati in poco tempo guerriglia urbana, ed episodi come il rogo di alcune auto nella sede della Telecom di Conca d’Oro. Il timore era che eventuali frange estremiste potessero infiltrarsi all’interno del corteo per creare disordini e far esplodere una situazione molto tesa ormai da diversi giorni. Per Cospito e per superare il 41bis è stata occupata, giovedì 2 febbraio, la facoltà di Lettere della Sapienza, dove venerdì si è tenuta un’assemblea pubblica proprio per preparare il corteo di sabato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cospito, sabato di scontri e tensione a Roma per il corteo degli anarchici

RomaToday è in caricamento