menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Studenti in piazza (foto Ansa)

Studenti in piazza (foto Ansa)

Tute blu e striscioni, studenti in piazza contro l'alternanza scuola-lavoro

"Contro lo sfruttamento per un'alternanza di qualità"

Tute blu, simbolo del lavoro operaio, per il primo 'Sciopero dell'alternanza'. Studenti in piazza questa mattina a Roma, così come in altre 70 città italiane, per manifestare "contro lo sfruttamento e per un'alternanza scuola-lavoro di qualità". Il corteo, indetto dall'Unione degli studenti, dalla Rete degli studenti medi e dall'Unione degli universitari, parte da Piramide diretto viale Trastevere, di fronte al ministero dell'Istruzione dove si terrà un sit-in. 

"Nel pomeriggio" infatti, spiegano dall'Unione degli studenti "partirà lo 'sciopero alla rovescia' per insegnare a chi ci governa quale debba essere il reale scopo della scuola". Nei prossimi giorni "sono previste azioni anche presso le Camere di commercio che hanno appena stipulato un accordo con il Miur per l'erogazione di voucher alle aziende che fanno percorsi di alternanza". Tra gli obiettivi uno "statuto dei diritti degli studenti e un codice etico per le aziende. Oggi è il giorno del riscatto: gli studenti scendono in piazza per i propri diritti". 

"Vogliamo che la scuola torni al centro delle politiche di questo Governo" la dichiarazione, rilasciata all'Agenzia Dire, di Giammarco Manfreda, coordinatore nazionale della Rete degli Studenti medi. "La scuola che non è quello che dovrebbe essere: manca il diritto allo studio, manca una discussione sull'edilizia scolastica e manca un'idea complessiva di cosa deve essere l'alternanza scuola-lavoro e quindi i criteri minimi affinché questa non sia sfruttamento. Noi sappiamo qual è la scuola che serve a questo Paese e quindi vogliamo essere ascoltati". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento