rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca Appio Latino / Via Acca Larenzia

"Onore ai camerati caduti": all'Appio il corteo di CasaPound per onorare Acca Larentia

Polemiche per l'assenza di un rappresentante del Comune, poi il presidente del consiglio comunale De Vito spiega: "Un malore improvviso"

Una cerimonia istituzionale al mattino, un corteo partecipatissimo nel pomeriggio e il "Presente" per onorare la memoria di Franco Bigonzetti, Francesco Ciavatta e Stefano Recchioni. Quarantennale di Acca Larentia più partecipato che mai quello di ieri. L'effetto CasaPound si è fatto sentire, radunando nel quartiere Appio cinquemila militanti e simpatizzanti dei fascisti del terzo Millenio. Presenti numerose delegazioni provenienti dall'estero, con le bandiere degli stati di riferimento. Un corteo ordinato e pacifico che ha raggiunto via Acca Larentia, aperto da un grande striscione con la scritta "Onore ai camerati caduti". 

Impressionante la scenografia, con file ordinate a formare un lunghissimo serpentone che ha invaso la Tuscolana, a partire da Piazza Asti  fino alla via che ospitava la sezione missina. Quindi il "Presente", con centinaia di braccia tese a commemorare i tre camerati uccisi il 7 gennaio 1978. 

Il presente ad Acca Larentia

In mattinata la polemica politica. Una commemorazione con la deposizione di una corona d'alloro a nome del Comune. A depositarla i vigili e non un rappresentante dell'amminisrazione. Tanto è bastato ai rappresentanti di Fratelli d'Italia  Fabrizio Ghera capogruppo in Campidoglio e Andrea De Priamo consigliere comunale per attaccare: "Registriamo la grave assenza da parte dell'amministrazione Raggi, che stamane non ha inviato nessun rappresentante istituzionale a depositare la corona di fiori per i tre giovani ragazzi uccisi il 7 gennaio 1978. Da parte del Campidoglio una mancanza ingiustificabile, anche in questa occasione i grillini confermano la loro inadeguatezza". Anche l'ex sindaco Alemanno ribadisce: "Era prevista la presenza del Presidente dell'Assemblea capitolina Marcello De Vito che ha comunicato all'ultimo al cerimoniale la sua assenza, inaccettabile comportamento Campidoglio". 

corteo_casapound_appio

A spiegare l'assenza è il presidente del Consiglio Comunale, Marcello De Vito: "Al di là delle posizioni ideologiche, ricordare un grave episodio come la strage di Acca Larentia è doveroso per la memoria della nostra città e per la storia del nostro Paese. Purtroppo ho avuto un improvviso malore e non sono potuto essere lì presente come previsto. Dispiace che qualcuno voglia utilizzare la mia assenza per alzare un'inutile polemica contro l'Amministrazione capitolina". 
 

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Onore ai camerati caduti": all'Appio il corteo di CasaPound per onorare Acca Larentia

RomaToday è in caricamento