Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Centro Storico / Via Molise

Corteo Alcoa: tensioni in via Molise, petardi e fumogeni. Traffico in tilt

Sono circa 300 e arrivano dalla Sardegna per protestare sotto il ministero del lavoro dove si tiene un incontro tra i sindacati e la loro azienda. Tensioni durante il corteo e in via Molise

Un momento della manifestazione - TmNews/Infophoto

Il corteo dei lavoratori dello stabilimento Alcoa di Portovesme (Sulcis Iglesiente) è partito questa mattina da piazza della Repubblica per dirigersi verso via Molise dove si trova la sede del Ministero. Sono circa 300 lavoratori che protestano  contro la multinazionale statunitense dell'alluminio che intenderebbe lasciare il sito sardo. Partecipano le sigle sindacali dei metalmeccanici, come Fiom, Fim e Uilm. A riguardo il segretario della Uil Mario Ghigni sottolinea: "Inviteremo l'azienda a non spegnere gli impianti".

Durante il corteo hanno attraversato le vie del centro gettando petardi e fumogeni e, secondo fonti sindacali, anche alcune bombe carta. Fumogeni sono stati fatti esplodere anche davanti alla sede del Ministero di Via Molise.

Tra i lavoratori c'è tensione: gettano petardi, battono incessantemente gli elmetti da lavoro a terra, intonano cori di protesta e sventolano striscioni contro la multinazionale dell'alluminio ("Toia - amministratore delegato di Alcoa Italia - hai tradito la terra madre"). Il corteo è giunto davanti al Ministero dello Sviluppo economico dopo essere passato per Via Bissolati e Via Barberini, con l'interruzione del traffico per alcune vie del centro, che ha creato problemi anche agli automobilisti romani.

"Ci stanno chiudendo lo stabilimento, siamo pronti a qualsiasi iniziativa possa dare risalto alla vertenza", fanno sapere i lavoratori di Portovesme, aggiungendo "chiediamo di lavorare". Un operaio, Sandro P. (52 anni), sottolinea: "Ricordiamoci che si tratta di una zona con il più alto tasso di disoccupazione in Italia". Un altro lavoratore, Nicola Barca (26 anni), alla domanda se tra gli operai ci fosse molta tensione risponde: "Non è ancora niente, dipenderà dall'esito dell'incontro".

Momenti di tensione tra i lavoratori dell'Alcoa e le forze dell'ordine che hanno dovuto contenere i manifestanti che tentavano di bloccare il traffico in via Veneto, con lancio di oggetti e fumogeni. I lavoratori dell'Alcoa sono adesso in sit-in davanti la sede del ministero dello sviluppo economico. I lavoratori dell'Alcoa, per protesta, hanno bruciato in strada le schede elettorali. Poi con alcuni bastoni si sono lanciati contro gli scudi delle forze dell'ordine schierate sotto la sede del ministero dello Sviluppo in via Veneto. Polizia e carabinieri hanno cercato di contenerli e dopo pochi minuti i dimostranti sono tornati in sit-in.

(Fonte Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corteo Alcoa: tensioni in via Molise, petardi e fumogeni. Traffico in tilt

RomaToday è in caricamento