Coronavirus, a Roma 1132 casi: sono 2209 in totale nel Lazio. I dati Asl del 3 novembre

L'annuncio della Regione: "Venerdì aprirà la nuova area di pronto soccorso dell’A.O. San Camillo di Roma"

A Roma e nel Lazio i contagi, dopo due giorni di tregua, tornano a salire. Ma aumentano anche il numero di tamponi effettuati.

Sugli oltre 25mila controlli fatti oggi (+ 5907 rispetto a ieri), si registrano 1132 nuovi contagi nella Capitale e 2209 in totale nel Lazio (+ 350 rispetto le ultime 24 ore). Sono invece 21 i decessi e 159 i guariti. Scende il rapporto tra positivi e tamponi fatti dal 9% del 2 novembre all'8% del 3 novembre.

"A Roma sono stati segnalati poco oltre mille casi, a Latina il punto più basso dei contagi. E' stata la provincia su cui sono partite prima le misure di restrizione. - ha commentato l'assessore alla sanità nel Lazio Alessio D'Amato - Venerdì aprirà la nuova area di pronto soccorso del San Camillo di Roma". 

3 novembre-2

I nuovi contagi da coronavirus a Roma e provincia

Nella Asl Roma 1 sono 415 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 85, 85 e 87 anni con patologie.

Nella Asl Roma 2 sono 431 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Centocinquantasei i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano quattro decessi di 75, 77, 89 e 96 anni con patologie.

Nella Asl Roma 3 sono 286 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Ventisei sono ricoveri. Si registrano due decessi di 72 e 80 anni con patologie.

Nella Asl Roma 4 sono 166 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Sedici sono casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Quattordici sono casi con link a RSA Gonzaga di Ladispoli dove è in corso l’indagine epidemiologica e quattro i casi individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Si registra un decesso di 80 anni con patologie.

Nella Asl Roma 5 sono 157 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 85 anni con patologie.

Nella Asl Roma 6 sono 76 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi di 54 e 84 anni con patologie. 

678 casi nelle altre città del Lazio

Nelle province si registrano 678 casi e sono otto i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 53 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano quattro decessi di 74, 81, 91 e 93 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 355 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare.

Nella Asl di Viterbo si registrano 179 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano quattro decessi di 82, 87, 88 e 92 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 91 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto

Nel Lazio superano quota 11mila i guariti

Superano quota 39mila i casi positivi nel Lazio: sono, infatti, 39729 i casi contro i 33.906 di sabato. Aumentano i pazienti ricoverati in terapia intensiva: sono 197 attualmente contro gli 185 del 2 novembre. Sono 2192 i ricoveri. Mentre, sempre rispetto al 2 novembre, sono 1275 le persone decedute contro le 1254 di ieri. Superano quota 11mila i guariti, raggiungendo quota 11837. Il totale dei casi esaminati è di 52841.

Lo Spallanzani: "249 ricoverati, finora 1.047 dimessi"

In questo momento sono ricoverati allo Spallanzani di Roma 249 pazienti positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2. 39 pazienti sono ricoverati in terapia intensiva. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 1.047. Lo si apprende dal bollettino di oggi dell'istituto. 

D'Amato: "Pronti per la battaglia di Roma"

"E' vero, ci stiamo preparando alla battaglia di Roma. Anche se i dati nel Lazio stanno andando un po' meglio, la curva è ancora in ascesa. La priorità resta quella di raffreddare la curva", ha spiegato a Skytg24 l'assessore D'Amato.

"La curva è ancora in ascesa, Rt è superiore a 1,5 in molte Regioni e il quadro è complicato. Certo Roma e il Lazio vanno leggermente meglio - aggiunge l'assessore - ma la situazione non si è stabilizzata né c'è stata un'inversione di tendenza. Dobbiamo prepararci a settimane difficili, e oltretutto la stagione influenzale ancora non è iniziata, con la sovrapposizione di sintomi analoghi".

Pronti 6000 letti per pazienti Covid nel Lazio

Nei prossimi giorni, inoltre, ci sarà un nuovo provvedimento regionale porterà a circa 6000 i posti complessivi dedicati a Covid-19" nel Lazio, ha annunciato D'Amato a Sky.

"Il tasso di ospedalizzazione nel Lazio è stato fin da subito superiore alla media nazionale, e il tasso di letalità più basso. Serve un numero adeguato di letti" per affrontare la seconda ondata, ha detto l'assessore.

La nuova organizzazione della rete ospedaliera nel Lazio vedrà un ruolo importante del "Policlinico Umberto I - ha aggiunto D'Amato - Struttura che con la sua configurazione a padiglioni" ben si presta a questo scopo.

Martedì 3 e mercoledì 4 novembre chiuso per sanificazione il Dipartimento Patrimonio e Politiche Abitative

A seguito dell’accertamento di un caso di positività al Covid–19 di un dipendente, oggi e domani, 3 e 4 novembre, il Dipartimento Patrimonio e Politiche Abitative resterà chiuso ai dipendenti ed al pubblico per la sanificazione dei locali. La sede di piazza Giovanni da Verrazzano riaprirà giovedì 5 novembre.

Francesco Totti positivo al coronavirus

Positivo al Covid-19 anche Francesco Totti, il quale lo scorso 12 ottobre ha perso il papà proprio per colpa del virus. Anche la mamma era stata colpita, seppur in forma lieve.

Massimo Carminati positivo al Covid

Massimo Carminati è positivo al Coronavirus. L'ex Nar è asintomatico e in isolamento domiciliare insieme con la moglie dopo essere risultato positivo al Covid-19. Carminati era stato scarcerato lo scorso giugno per decorrenza dei termini di custodia cautelare nell'ambito del processo al 'Mondo di Mezzo'.

Unità crisi Lazio incontra Anaao Assomed Lazio in Regione

Oggi è stato convocato un incontro in Regione con il Segretario regionale dell'Anaao-Assomed Lazio, Guido Coen Tirelli per affrontare le tematiche sollevate dal sindacato dei medici. In questo momento il compito prioritario è la tutela dei malati e di tutti gli operatori sanitari nel contrasto alla pandemia. Lo comunica l'Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio.

Aggiornato alle 17:00 del 3 novembre

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento