Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coppa Italia, rissa tra ultras Lazio: falange amputata. Tifosi Juve si fingono stewart

Ha funzionato il dispositivo di accoglienza e sicurezza, messo a punto dalla Questura in occasione della finale di Tim Cup, disputata ieri sera allo stadio Olimpico tra Juventus e Lazio

 

E' stata una finale di Coppa Italia "tranquilla", sotto il profilo dell'ordine pubblico quella andata in scena tra Juventus e Lazio ieri sera all'Olimpico. Pochi gli episodi che hanno visto impegnati gli agenti di Polizia.

Il primo, in ordine di tempo, fuori dall'impianto quando un uomo e una donna indossando la pettorina distintiva degli steward, con tanto di numero, hanno cercato di infiltrarsi tra i veri assistenti ma sono stati scoperti. I due, tifosi juventini di origini pugliesi di 33 e 36 anni, sono stati denunciati per il reato di usurpazione di funzioni pubbliche e sottoposti alla misura del Daspo per 2 anni.

Nel settore distinti sud, inoltre, sono stati bloccati e denunciati altri 2 tifosi juventini. Il primo, un 45enne di origini cagliaritane, è stato fermato dopo che aveva scavalcato la recinzione cercando di eludere i controlli. Il secondo, 39enne di Palermo, è stato fermato durante le operazioni di filtraggio, in possesso di biglietto intestato ad altra persona; per lui è scattata una sanzione amministrativa.  

Denunciato e sottoposto al Daspo per 2 anni un tifoso della Lazio di 25 anni, il quale durante la partita si è reso responsabile dell'aggressione di un tifoso avversario, tra i settori della tribuna Tevere e dei distinti sud.

Al termine della partita, infine, in Largo Maresciallo Diaz, una discussione tra ultras della Lazio è degenerata in rissa. Nella circostanza, uno di loro ha subito l’amputazione di una falange ed è stato accompagnato in ospedale. Cinque le persone denunciate e per le quali si sta valutando l’applicazione del Daspo.

All'esterno dello stadio, agenti della divisione Amministrativa della Questura hanno sorpreso 3 persone di origini campane intente a vendere bibite abusivamente. Una di loro in particolare, si era ripresentata dopo che una pattuglia l’ aveva controllata  sequestrandone la merce. Si era nuovamente rifornito di bibite.  A tutti e 3 è stato notificato il foglio di via obbligatorio.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento