Esquilino sotto assedio: tra affitti in nero e cibi scaduti anche 40 siringhe usate a Colle Oppio

Le attività di controllo dei militari si sono estese allo spaccio di droga e alla violazione di normative amministrative presso esercizi pubblici, strutture ricettive, gioiellerie, compro oro e appartamenti abusivamente occupati

Controlli a tappeto in zona Esquilino. Durante lo scorso dicembre sono stati 15 i pattuglioni svolti nelle zone di piazza Vittorio, Colle Oppio e viale Carlo Felice che hanno consentito di identificare complessivamente 294 persone, di cui 279 stranieri, 4 dei quali denunciati in stato di libertà in quanto non in regola con la normativa sulla presenza nel territorio nazionale, 2 arrestati e 3 denunciati per il reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

40 SIRINGHE USATE - Le indagini dei militari del Commissariato Esquilino, diretto dalla dott.ssa Agnese Cedrone, si sono concentrate nel parco del Colle Oppio, una zona altamente frequentata da gruppi di cittadini extraeuropei, dove sono stati sequestrati 1,54 kg di droga tra hashish, marijuana ed eroina. Nella stessa zona è stata avviata un'importante attività di bonifica dell'intera area, in pessime condizioni igienico sanitarie, attraverso il coinvolgimento di personale e mezzi dell'Ama per lo smaltimento della spazzatura e la rimozione in sicurezza di oltre 40 siringhe usate.

ABUSIVISMO COMMERCIALE - Le attività di controllo si sono estese poi alla violazione di normative amministrative presso esercizi pubblici, strutture ricettive, gioiellerie, compro oro e appartamenti abusivamente occupati. In particolare l'attività di contrasto all'abusivismo commerciale si è indirizzata in viale Carlo Felice, ove è solitamente allestito, in prevalenza da cittadini stranieri di etnia romena, bulgara e marocchina, un mercato abusivo con veri e propri banchi ambulanti dove viene esposta in vendita ogni tipo di merce, dal vestiario ai cd contraffatti, agli articoli di profumeria e bigiotteria, nonché materiale informatico.

Sono state così elevate 9 sanzioni amministrative e relativi sequestri per esercizio dell'attività di commercio al dettaglio su area pubblica senza la prescritta autorizzazione del sindaco, per un ammontare di circa 50mila euro. Anche in questo caso l'impegno dell'Ama è tangibile. Giornalmente, infatti, l'azienda raccoglie un'ingente quantità di merce non sequestrabile per la distruzione (circa 4 metri cubi) abbandonata all'interno dei giardini degli ambulanti.

AFFITTI IN NERO - In seguito a una serie di segnalazioni, sono stati controllati anche 11 appartamenti affittati abusivamente. Per 3 di questi è stata disposta dal Questore la chiusura per motivi di ordine e sicurezza pubblica poiché all'interno erano ospitati numerosi cittadini stranieri che vivevano in pessime condizioni igienico sanitarie. Nei confronti dei conduttori degli stessi, invece, sono state elevate sanzioni per un importo di circa 34mila euro. Uno di loro inoltre è stato denunciato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

VENDITA ILLEGALE DI OGGETTI PREZIOSI - Si è inoltre  proceduto alla notifica per la sospensione e la relativa chiusura dell'attività di vendita di oggetti preziosi, emessa con decreto questorio, a carico di una gioielleria del Rione Monti, ove era già stato effettuato un controllo amministrativo e rilevata la violazione dell'articolo del codice penale che punisce il commercio non autorizzato di cose preziose.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CIBI SCADUTI - I controlli infine hanno riguardato anche gli esercizi di ristorazione e somministrazione di alimenti e bevande. In uno di questi sono stati sequestrati prodotti alimentari preconfezionati e messi in vendita oltre la data di scadenza e privi della obbligatoria indicazione in lingua italiana e, per questo, elevata la relativa sanzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento