menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il bimbo soffocato al ristorante di Ikea resta in prognosi riservata al Gemelli

Il bollettino medico del nosocomio romano parla di una situazione stazionaria. Il piccolo è sottoposto a terapia ipotermica

Le sue condizioni reali di salute si potranno valutare solamente lunedì prossimo, al termine della terapia alla quale è stato sottoposto dalla serata del 13 marzo al Policlinico Universitario Agostino Gemelli. Resta stazionario il quadro clinico del bambino di 4 anni rianimato dai sanitari dopo essere rimasto soffocato mentre mangiava al ristorante dell'Ikea del Centro Commerciale Porta di Roma nel primo pomeriggio di ieri.  

PROGNOSI RISERVATA - Soccorso dai sanitari del 118 che lo hanno poi trasportato prima a Villa San Pietro, da dove è poi stato trasferito al nosocomio di via della Pineta Sacchetti, la prognosi della piccola vittima resta ancora riservata. Sottoposto ad ossigenoterapia in camera iperbarica per 48 ore al fine di tutelare gli organi vitali ed in particolare il cervello, al termine della terapia la temperatura del bambino sarà progressivamente riportata alla normalità.

CONDIZIONI DI SALUTE - Solo a conclusione di tale terapia i medici potranno valutare come reagirà il corpo del bambino, in particolare cervello e cuore, oltre alle sue condizioni di salute effettive e gli eventuali danni riportati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento