rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca

"Dove trovo un compro oro?", ma lo chiede a un poliziotto: estorsore in manette

L'uomo, un 32enne, cercava un posto in cui vendere gioielli sottratti a un'anziana donna a Milano con l'inganno. La richiesta però è stata fatta a una gente in borghese

Ha avvicinato un poliziotto in borghese, ignaro di chi aveva davanti, chiedendogli dove potesse trovare un compro oro. Una richiesta che ha messo in moto una serie di accertamenti che hanno portato, alla fine, al suo fermo per estorsione aggravata.

Protagonista della vicenda un 32enne originario di Napoli, che nei giorni scorsi ha, appunto, chiesto a un passante dove potesse trovare un compro oro, senza sapere di avere appena fermato un poliziotto. Quest’ultimo, insospettito, si è detto disponibile ad accompagnarlo e nel frattempo ha avvisato i colleghi, che hanno fermato il 32enne in via Gioberti e gli hanno trovato addosso gioielli di cui non ha saputo spiegare l’origine né la provenienza. 

La truffa della nipote nei guai e del finto corriere

L’uomo è stato quindi portato in commissariato, dove è stato analizzato anche il suo cellulare. Nella gallery i poliziotti hanno trovato un video girato dall’uomo il giorno prima, mentre riprendeva all’interno di un’abitazione di Milano proprio i gioielli di era in possesso in quel momento. A quel punto, acquisite le informazioni, tramite il pool reati seriali in danno di soggetti deboli della procura di Milano si è riusciti a risalire alla vittima, una donna di 82 anni. Il modus operandi è ormai uno tra i più consolidati nell’ambito del fenomeno delle truffe ai danni di persone anziane, ovvero quello del finto corriere che si presenta all’abitazione della vittima per ritirare una somma di denaro necessaria a scongiurare incombenti problemi con la giustizia di una persona cara. 

Nel caso di Milano, un complice del 32enne aveva contattato telefonicamente l’anziana che si trovava in casa con il marito, presentandosi come un amico di un suo nipote, e le aveva detto che la figlia era stata arrestata dalla polizia postale e che occorrevano 4.000 euro per la sua liberazione. Nel frattempo alla porta dell’appartamento si era presentato l’uomo fermato a Roma che dietro la minaccia di un imminente arresto della figlia si era fatto consegnare i gioielli e 360 euro in contanti. La donna, dopo avere fornito la descrizione dell’uomo e dei preziosi, e dopo aver visionato il video, ha riconosciuto il 32enne come autore dell’estorsione e i suoi gioielli. L’autorità giudiziaria ha convalidato l’operato degli agenti e sottoposto l’uomo alla misura della custodia cautelare in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dove trovo un compro oro?", ma lo chiede a un poliziotto: estorsore in manette

RomaToday è in caricamento