Cronaca

Temporale a Roma, Codacons: “La Procura indaghi su metro chiuse”

Codacons: "Le stazioni di una metro dovrebbero essere progettate per reggere l'impatto di piogge anche forti"

“La chiusura di sei stazioni della metro a seguito di un temporale, rappresenta un’assurdità, specie se si verifica in una capitale mondiale come Roma”. Serrata la critica del Presidente Codacons, Carlo Rienzi, sui problemi che hanno coinvolto la metropolitana di Roma ieri notte, in seguito ad un violento temporale. Le stazioni di San Giovanni, Ponte Lungo, Colli Albani, Porta Furba, Numidio Quadrato, e Lucio Sestio, erano state infatti chiuse, ed il servizio non è stato ancora riattivato completamente.

“Le stazioni di una metropolitana come la linea A, utilizzata ogni giorni da centinaia di migliaia di utenti, dovrebbero essere progettate per reggere l’impatto di piogge anche forti – ha proseguito Rienzi – ciò che è avvenuto a Roma è intollerabile, e per tale motivo presenteremo oggi stesso un esposto alla Procura della Repubblica, chiedendo di indagare per interruzione di pubblico servizio”.

Provocatoria poi una sua proposta avanzata al Comune e all’Atac: “Ci aspettiamo ora una presa di coscienza e un gesto di responsabilità nei confronti degli utenti, indennizzando i cittadini romani consentendo loro - conclude Rienzi - di utilizzare gratuitamente per un intero giorno la linea A della metro”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Temporale a Roma, Codacons: “La Procura indaghi su metro chiuse”

RomaToday è in caricamento