Cronaca Centro Storico / Largo di Torre Argentina

Piazzano skimmer al bancomat di Torre Argentina, carabinieri aspettano e li arrestano

Rinvenuta e sequestrata l'attrezzatura da uno sportello Atm. In manette due uomini di 31 e 32 anni. Sequestrati 2500 euro in contante

L'attrezzatura sequestrata dai carabinieri

Ancora clonatori di bancomat all'opera nella Capitale. Proseguono le attività investigative dei carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina per contrastare il fenomeno della clonazione delle carte. A finire in manette nella giornata di lunedì sono stati due cittadini bulgari, di 31 e 32 anni, disoccupati e senza fissa dimora, con precedenti, che avevano applicato alcuni dispositivi elettronici su di uno sportello bancomat in largo di Torre Argentina, per clonare i bancomat e le carte di credito degli ignari utenti.

SKIMMER SUL BANCOMAT - Sullo sportello bancomat i due avevano applicato uno skimmer, usato per catturare e archiviare i codici contenuti nella banda magnetica delle carte di pagamento e una telecamera per carpire il pin digitato sulla tastiera.

IN ATTESA DEI CLONATORI - I Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, ormai specializzati nel contrasto a questo tipo di reato, hanno effettuato un servizio di osservazione a distanza fino a quando, in tarda serata sono riusciti a individuare i due stranieri che si erano avvicinati con fare sospetto per ritirare le apparecchiature posizionate precedentemente. A seguito della perquisizione personale i militari hanno rinvenuto due carte di credito clonate e 2500 euro in contanti che sono stati sequestrati.

SEQUESTRATA L'ATTREZZATURA - Una volta ammanettati sono stati accompagnati in caserma e trattenuti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo, mentre la sofisticata attrezzatura è stata sequestrata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazzano skimmer al bancomat di Torre Argentina, carabinieri aspettano e li arrestano

RomaToday è in caricamento