Cimitero Flaminio, la banda del telecomando fa paura: furti in auto nei viali del camposanto

A Prima Porta non solo degrado e furti tra le tombe, è razzia nelle vetture dei visitatori. La denuncia di due vittime: "Clonano codici telecomando per rubare indisturbati, tutti sanno ma nessuno interviene"

Derubate al Cimitero Flaminio, in pieno giorno, mentre andavano a far visita ai propri cari defunti. Teresa ed Eleonora (nomi di fantasia ndr.) sono solo le ultime due vittime della lunga serie di furti perpetrati ai danni dei visitatori del camposanto di Prima Porta. 

Cimitero Flaminio: furti in auto in pieno giorno

Con i suoi 140 ettari di estensione e 37 chilometri di strade interne, il Flaminio è il cimitero più grande d'Italia: una città nella città in cui non mancano i crimini. Tombe depredate di vasetti di rame o ferro, oggetti di poco valore, se non quello enorme affettivo, trafugati dalle lapidi; qualche scippo. Frequenti le razzie in auto: proprio come accaduto due giorni fa a Teresa ed Eleonora. 

Un furto lampo: messo a segno nel breve arco di tempo durante il quale le due donne si sono allontanate dalla vettura parcheggiata lungo uno dei viali del cimitero per portare un fiore sulla tomba dei loro cari. 

ll cimitero di Prima Porta è un girone infernale: tombe tra guano, acqua nera e zanzare

Cimitero di Prima Porta: “C’è la banda del telecomando”

“Quando sono tornate alla macchina erano spariti effetti personali, documenti e chiavi. Questi furti al Cimitero Flaminio avvengono tutti i giorni e la modalità è sempre la stessa: le automobili vengono depredate quasi sempre senza segni di infrazione, a quanto abbiamo appreso sembra che ci sia una sorta di ‘banda del telecomando’ in grado di clonare i codici del dispositivo automatico e poi usarli per introdursi nella vettura e fare razzia” - racconta a RomaToday Francesco, il marito di una delle due donne vittime del furto. 

Il fatto è stato denunciato ai carabinieri della stazione Tor Tre teste. Per le due donne il rammarico per gli oggetti sottratti, l’ingombro di dover rifare i documenti rubati e la spesa di circa 700 euro per installare le nuove serrature a casa. “Avendo chiavi e documenti, quindi il nostro indirizzo, avevamo paura che potessero entrare anche li” - dicono. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Furti al Cimitero Flaminio:”E’ vergognoso, nessuno interviene”

Il camposanto a nord di Roma mette paura, anche alla luce del sole. Impotenza e impunità fanno rabbia. “Quel che accade al cimitero di Prima Porta è vergognoso. Tutti sanno ma nessuno fa niente per fermare questi delinquenti che si approfittano del dolore delle persone in visita ai cari scomparsi per mettere a segno i loro colpi”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Coronavirus, a Roma 12 nuovi casi: sono 38 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 agosto

  • In fila alle Poste mostra i genitali all'impiegata: "Ora ti faccio vedere io il documento"

  • Incendio a Roma sud, fiamme raggiungono il parco degli Acquedotti: interrotta la linea ferroviaria

  • Il padre provava a venderlo in spiaggia, la mamma lo porta via dall'ospedale senza autorizzazione

  • Coronavirus: a Roma 31 nuovi casi, altri sette nel resto della regione Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento