Via della Purificazione: musica troppo alta e mancate autorizzazioni, sigilli ad un locale

Al momento del controllo, gli agenti hanno trovato circa 20 persone. Alla richiesta di spiegazioni la risposta fornita è stata: "E' una festa privata di compleanno"

Musica troppo alta, estintori scaduti nel 2013 e mancate autorizzazioni. La Polizia Locale ha apposto i sigilli ad un locale in via della Purificazione, nei pressi di via Sistina. Il club, oltre presentare diverse irregolarità e mancanza di autorizzazioni, disturbava il vicinato con musica a volume altissimo da mezzanotte fino alle 4 di notte e oltre.

Sul posto, così, sono giunti i Caschi Bianchi del 1° gruppo Centro. Gli agenti, appartenenti sia ai reparti di Polizia Amministrativa della Polizia Locale e al commissariato Campo Marzio della Polizia di Stato, hanno apposto i sigilli al locale. 

Oggetto di numerosi esposti dei residenti, il locale risultava ufficialmente "associazione culturale", ma di fatto era un "night club" di 65 metri quadrati con tre locali interrati, senza controllo degli accessi, mancanza di uscite di sicurezza, estintori scaduti dal 2013 e somministrazione abusiva.

discoteca via purificazione1-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al momento del controllo, intorno all'una, gli agenti hanno trovato circa 20 persone intente a bere, a ballare e a divertirsi: alla richiesta di spiegazioni la risposta fornita è stata "è una festa privata di compleanno". Purtroppo la presunta festeggiata, al controllo dei documenti, è risultata essere nata a maggio, e almeno quindici dei presenti sono risultati sprovvisti della tessera di socio, come necessario nelle associazioni culturali.

Al termine delle operazioni sono stati apposti i sigilli sia al bancone bar, già oggetto di un provvedimento analogo in passato, sia a tutto il resto del locale: i titolari, due uomini e una donna italiani, sono stati denunciati per "esercizio abusivo di attività di pubblico spettacolo, mancanza di autorizzazioni sanitarie e somministrazione abusiva", con sanzioni per circa 7000 euro. Sono in corso altre indagini, mentre si attendono altri provvedimenti da parte della Prefettura per le violazioni al Testo Unico di Pubblica Sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

  • Centro commerciale Maximo, salta l'inaugurazione: le insegne sono coperte e sull'apertura cala il silenzio

  • Coronavirus, ecco perché Roma è messa meglio di altre grandi città: i numeri spiegati dagli esperti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento