rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca

Affittacamere di San Lorenzo non registra tutti gli ospiti, chiuso dal questore

Nella struttura ricettiva un numero di posti letto superiore a quello autorizzato

Non registrava tutti gli ospiti e non rispettava le norme di sicurezza. Per tale motivo il questore di Roma ha disposto la cessazione immediata dell'attività di un affittacamere nel quartiere di San Lorenzo. L'applicazione del articolo 100 Tulps alla struttura ricettiva è arrivata nell'ambito dei controlli amministrativi svolti dalla polizia in tutta la Capitale. Sorvegliate speciali le strutture ricettiva, per garantire che vengano rispettati gli standard di sicurezza e che le persone ospitate siano correttamente registrate e comunicate all'autorità di pubblica sicurezza. 

Durante un servizio specifico, svolto dagli agenti della divisione amministrativa, è emerso che un affittacamere del quartiere universitario romano superava il numero di posti letto previsti, non rispettava le norme di sicurezza sui luoghi di lavoro e inoltre non aveva provveduto alla corretta registrazione delle persone presenti, ai fini dei controlli di polizia. In questo caso, all’esito di un'approfondita istruttoria, il questore, applicando l’articolo 100 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, ha disposto la sospensione per 20 giorni dell'attività di affittacamere e la cessazione immediata dell’attività di albergo, abusivamente intrapresa.

Il provvedimento è stato notificato dagli agenti della polizia di Stato che, come previsto dalla normativa, hanno affisso sulla porta della struttura il cartello “Chiuso con provvedimento del Questore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affittacamere di San Lorenzo non registra tutti gli ospiti, chiuso dal questore

RomaToday è in caricamento