menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Poker online e scommesse con provider esteri, chiusa sala slot abusiva

Due le persone denunciate. L'attività illegale scoperta dalla polizia in zona Marconi

Attiravano i clienti vittime della dipendenza del gioco all’interno del loro locale nella zona di viale Marconi. Esercizio commerciale dove avevano attivato, con alcuni Pc, tutti successivamente sequestrati, una sala slot abusiva che permetteva di giocare a poker on line o ad altri giochi vietati dalla normativa vigente. Il tutto utilizzando provider esteri abusivi e di fatto non canalizzando il flusso di denaro sui circuiti riconosciuti dal Ministero delle Finanze. 

Chiusa l'attivià la polizia ha denunciato in stato di libertà due persone  ritenute responsabili, in concorso tra di loro, di aver organizzato e gestito una sala da gioco d’azzardo on line.

A scoprire l'attività illegale gli agenti dell’XI Distretto San Paolo, diretto da Massimiliano Maset, nell’ambito dei servizi finalizzati alla verifica di alcune attività commerciali inerente il rispetto dei divieti imposti dai DPCM emanati per contrastare la diffusione del virus Covid19, hanno controllato 8 attività commerciali.

Dai risultati ottenuti si è avuto modo di constatare che molte attività aggiravano i divieti citati restando aperti al pubblico e svolgendo la loro normale attività favorendo gli assembramenti delle persone.

Chiusi due minimarket a Marconi

Altri 2  esercizi commerciali, dei minimarket,  situati  anche questi in zona Marconi, sono stati sanzionati e chiusi per giorni 5 in violazione del D.L. 25.03.2020 e successive modifiche, nonché per la violazione dell’Ordinanza di Roma Capitale n. 43 del 05.03.2021, in quanto permettevano indiscriminatamente agli avventori di consumare bevande alcoliche. Elevate ulteriori 4 sanzioni amministrative in violazione di vari articoli della normativa anti Covid 19 per un ammontare complessivo di circa 2.000 euro.

Controlli con l'ispettorato del lavoro 

Durante i controlli sono state identificate 20 persone e un lavoratore non in regola è stato segnalato all’Ispettorato del Lavoro per i provvedimenti di competenza. Per le tre attività sanzionate, i poliziotti hanno richiesto ulteriori provvedimenti, alla autorità competenti per un eventuale  cessazione definitiva.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento