menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Apre un nuovo centro di odontoiatria sociale per i cittadini

Al Policlinico Umberto I di Roma apre la più grande struttura italiana odontoiatrica a prezzi popolari per consentire a tutti l'accesso alle cure necessarie

“Le cure odontoiatriche, con la crisi, sono le prime a essere sacrificate", ha spiegato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Da questa considerazione è nata l'idea di aprire al Policlinico Umberto I di Roma un nuovo centro di odontoiatria sociale per i cittadini. La struttura è la più grande clinica odontoiatrica pubblica in Italia che offre prestazioni odontoiatriche a prezzi convenienti. Scopo dell’iniziativa è quello di consentire l’accesso alle cure  anche a quella fasca di popolazione con reddito minimo che attualmente non riesce, principalmente per motivi economici,  ad ottenere le cure odontoiatriche necessarie.  

“Anche nel Lazio la sanità sta cambiando in meglio. Questo luogo meraviglioso rappresenta una struttura d’eccellenza per dimensioni e dotazioni strumentali. In questi giorni  sta prendendo corpo la nostra idea di sanità. Nelle ultime settimane abbiamo inaugurato la prima Casa della Salute e un Poliambulatorio di sette piani", ha affermato orgogliosamente Zingaretti.
La struttura si sviluppa su 3 piani dedicati alle diverse specialità, per un totale di 65 poltrone

Una particolare attenzione è dedicata ai bambini: il reparto pediatrico dispone di di 10 poltrone, tutte dotate di monitore su cui proiettare film di animazione per rendere più piacevole l'attesa dei più piccoli. Si offre un servizio potenziato e dei percorsi personalizzati a bambini affetti da disturbi particolari e con disturbi di autismo. 
Sei poltrone sono dedicate alla cura di pazienti a rischio, come cardiopatici e diabetici, mentre viene dedicato un intero reparto alla endodonzia conservativa, branca dell'odontoiatria che studia come conservare i denti, invece di ricorrere all’estrazione. 

Due sono le sale di chirurgia: una orale l'altra conservativa. La prima si occupa di diverse patologie di interventi come estrazioni dentali, asportazione di cisti o semplici lesioni mascellari. L'altra si occupa di patologie orali o di diagnosi precoce di carcinomi orali. Questa sala di chirurgia dispone di dieci postazioni e, in collaborazione con l'equipe di maxilo-facciali, verranno diagnosticate e curate anche patologie patologie molto rare come l’osteogenesi imperfetta, malattia che provoca anomalie nella sintesi del collagene tipo 1 per mutazione di alcuni geni. 

Sono presenti anche un laboratorio odontotecnico e un reparto per le protesi. Queste due sezioni si occuperanno principalmente della riabilitazione che segue una determinata operazione. Lavorando in collaborazione con gli addetti dell'area maxillo-facciale si tratteranno pazienti oncologici o traumatizzati, che hanno perso cioè sia il supporto dentale e sia quello dell’osso. L'equipe di chirurgia maxillo-facciale si occuperà anche della correzione delle malformazioni dento-maxillo-facciali.
 
Sarà possibile anche ospitare pazienti in Day Hospital per soddisfare le esigenze dei pazienti che necessitano di monitoraggio anestesiologico, che necessitano cioè di assenza o il sollievo del dolore. Questa area dispone di 3 poltrone e 6 posti letto, per aiutare i pazienti a una migliore ripresa dopo l'anestesia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    "Ma che c'hai prescia?", cosa significa e perché si dice così

  • Sicurezza

    Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento