menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comitato Rifiuti Zero Fiumicino: "no" al megaimpianto di biogas a Maccarese

La notizia del progetto arriverebbe dal Comune di Fiumicino. Il Comitato Rifiuti Zero: "Questo ci sembra veramente troppo"

Secco no del Comitato Rifiuti Zero Fiumicino all'ipotesi di un megaimpianto di biogas a Maccarese. Sarebbe il secondo visto che un primo impianto è stato inaugurato nel giugno 2011. In quell'occasione la governatrice Renata Polverini ne prometteva e un altro e adesso, a distanza di oltre un anno, le voci tornano a fare paura. La notizia si diffonde, secondo quanto riportato dal Comitato, a partire dallo stesso Comune di Fiumicino che starebbe avallando il progetto.

"Abbiamo appreso che nella giornata di ieri - afferma il portavoce del Comitato Marcello Giuliacci - il Comune di Fiumicino sembrerebbe aver posto le basi per la realizzazione da parte dell'Ama di un megaimpianto di biogas a Maccarese, con annessa centrale di generazione dell'energia elettrica, dove verrebbe trattata la Forsu, cioè i rifiuti organici, di Roma, città dove ancora ad oggi non esiste una raccolta differenziata porta a porta decente e che possa garantire un buon livello qualitativo dell'organico. Attenzione, non è un impianto di compostaggio come vorrebbero far credere. Acconsentire alla costruzione in piena riserva del litorale di una centrale a biogas sottraendo altri 16 ettari, ci sembra veramente troppo. I biodigestori sono impianti sporchi da cui si ricava metano di scarsa qualità e digestato che altro non è che una poltiglia assolutamente non utilizzabile in agricoltura. Sono impianti che usufruiscono dei finanziamenti pubblici mediante i cosiddetti Certificati Verdi e che grazie ai prezzi speciali che il gestore della rete elettrica paga per ogni Kw di energia immessa in rete diventano una fonte di profitto considerevole. E non sono impianti ad impatto zero come tenteranno di farci credere".

"Non abbiamo lottato per quasi due anni contro la discarica e l'inceneritore a Pizzo del Prete - conclude - per ritrovarci una centrale a biogas da 100.00 tonn/anno a Maccarese, nel cuore del nostro Comune. Chiediamo all'Amministrazione chiarezza e che la cittadinanza sia informata puntualmente a 360 gradi, sul progetto, sui rischi possibili a livello sanitario, e che soprattutto sia coinvolta nelle decisioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento