rotate-mobile
Cronaca Ciampino / Viale John Fitzgerald Kennedy

Militanti CasaPound irrompono all’Orion, il concerto finisce in rissa

Sul palco si stavano esibendo i Dropkick Murphys, band apprezzata anche dai giovani di estrema destra per le sonorità vicine allo street punk. Ma secondo alcuni testimoni i militanti di Casa Pound sarebbero accorsi solo per menare le mani

Neanche il tempo di tre canzoni e il concerto degli statunitensi Dropkick Murphy finisce in rissa. Secondo numerose testimonianze raccolte sul sito facebook del locale si tratterebbe di una ‘aggressione fascista’, un raid in piena regola condotto da alcuni militanti di Casa Pound (in tutto una cinquantina di persone) interessati, dicono le testimonianze, più a menare le mani che alla musica celtic punk.

“Un gruppo di alcune decine di fascisti si è introdotto all'interno del locale compattandosi sotto il palco - si legge su alcuni post pubblicati sulla pagina Facebook dell'Orion - Lo sventolio di una bandiera di Casapound e l'atteggiamento intimidatorio sono stati accolti dai fischi del pubblico presente. Sono stati intonati cori Duce Duce e Zippo libero”. Secondo le testimonianze in questo frangente la tensione ha raggiunto l'acme, con un ragazzo in maglia verde che accerchiato ha alzato le mani in segno di resa, mentre una ragazza avrebbe ricevuto un sonoro ceffone.

Il gruppo decide che così non si può andare avanti e chiede ai militanti di uscire. A tenere sotto controllo la situazione arrivano cinque persone della sicurezza e il concerto riprende. Pochi minuti dopo però  la situazione degenera definitivamente quando un militante tira fuori uno spray irritante al pepe e lo spruzza sul pavimento. L’aria diventa irrespirabile e il gruppo rientra nei camerini.


Iniziano a questo punto le polemiche sulla sicurezza. I gestori del locale dicono di aver segnalato per tempo alle forze dell’ordine la presenza dei militanti, ma sono stati costretti, per legge, a garantirgli l’ingresso: “Il responsabile dell'Orion alle 21 ha avvisato le forze dell'ordine che già dalle 21.15 erano all'esterno del locale - spiegano sulla pagina facebook dell’Orion -Avevamo chiesto che questa gente non fossa fatta entrare e avevamo chiesto di avere la possibilità di rimborsare ma ci è stato negato per legge”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Militanti CasaPound irrompono all’Orion, il concerto finisce in rissa

RomaToday è in caricamento