Casamonica: spaccio al Quadraro e nel fortino di Porta Furba. Nuovo colpo al clan, 22 arresti

Ognuno aveva ruoli ben precisi. E' stato stimato un volume d'affari pari ad oltre 100.000 euro al mese

Nuovo maxi blitz nei confronti dei Casamonica: 22 persone, ritenute appartenenti al clan, sono state arrestate oggi a Roma, Trapani, Foggia, Voghera, Paola, Nuoro e Tornimparte, i Carabinieri della Compagnia di Roma Casilina stanno dando esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare emessa, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, nei confronti di 22 persone (di cui 21 in carcere e 1 agli arresti domiciliari).

Si tratta di un'indagine dei Carabinieri che dal mese di gennaio 2017 ha consentito di accertare l'esistenza di "un'associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti", strutturata su un gruppo criminale a connotazione familiare che operava principalmente nei siti di via del Quadraro e Porta Furba, entrambi gestiti dai Casamonica, punti di smistamento di cocaina al dettaglio e importanti punti di snodo dei traffici di stupefacente.

Chi sono i Casamonica

L'organizzazione, oltre ai capi riconducibili ai Casamonica, era costituita da altri individui, tutti italiani, ai "quali il clan Casamonica aveva affidato ruoli e compiti ben precisi". E' stato stimato un volume d'affari pari ad oltre 100.000 euro al mese.

Porta Furba, la roccaforte dei Casamonica

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento