Casale dei Cedrati, ancora una vittoria dei gestori: per il Tar no a demolizioni  

A febbraio 2016 il sequestro preventivo con accusa di abusi edilizi. Il procedimento penale è ancora in corso, mentre sul piano amministrativo il Tribunale dà ragione alla coop

Interno Casale dei Cedrati

Terza vittoria per i gestori del Casale dei Cedrati. Il Tar ha ordinato la sospensione dei provvedimenti del Comune contro il consorzio che ha in concessione dal 2013 la struttura di Villa Pamphili. A febbraio 2016 il sequestro e l'accusa di abusi edilizi (il procedimento penale è ancora in corso), insieme, sul piano amministrativo, alla richiesta di revoca della Cila (documento urbanistico che attesta i lavori effettuati) e all'ingiunzione a demolire alcuni dei lavori realizzati. Entrambe le imposizioni del Campidoglio sono state rigettate. Il provvedimento è stato sospeso e il Tar ha fissato l'udienza al 17 maggio per il giudizio di merito. Nelle motivazioni dell'ordinanza si legge che "sono stati ravvisati utili elementi per ritenere preferibile il mantenimento dello stato dei luoghi, anche in ragione della peculiarità e della esiguità degli abusi contestati".

Il Casale dei Cedrati era stato restaurato dal Comune in occasione del Giubileo del 2000, ma mai aperto al pubblico e infine affidato in concessione, tramite gara, a CoopCulture e altre associazioni che hanno poi dato vita al Consorzio del Casale. Secondo quanto sostenuto dai gestori a loro difesa, i lavori sono stati effettuati "dopo 15 anni di abbandono per ripristinare la piena funzionalità dell'edificio e realizzare gli spazi necessari all'attività, senza alcun intervento strutturale e sempre dopo aver sottoposto alla Soprintendenza i progetti". Mentre stando ai rilievi effettuati dagli agenti della Polizia municipale del XII gruppo, come comunicato in sede di intervento, "all'esterno della villa erano stati effettuati lavori abusivi di ristrutturazione senza permesso, presentando una semplice CILA, (una comunicazione di inizio lavori) non idonea a uno stabile protetto da vincoli paesaggistici e monumentali quale quello in oggetto". Si pronuncerà il giudice, mentre il verdetto amministrativo è già arrivato. E dà ragione ai gestori della coop. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento