Cronaca Infernetto / Via Giambattista Viotti

Infernetto: denuncia la collega che non le paga lo 'stipendio' da prostituta

La segnalazione al 113 da parte di una 29enne residente in zona San Giovanni. I massaggi erotici con prestazione sessuale finale dalle 10 all'una di notte con una tariffa che variava dagli 80 ai 150 euro

Si recava da due mesi all'Infernetto per svolgere il proprio lavoro di massaggiatrice particolare. Una professione che si svolgeva dalle 10 del mattino all'una di notte in un appartamento del litorale romano che avrebbe dovuto fruttare ad una 29enne romena uno stipendio di 100 euro al giorno. Una quota che però la sua 'datrice di lavoro' non le versava e che ha portato la meretrice a denunciare la sua connazionale di 31 anni agli agenti di polizia del commissariato di Ostia.  

DENUNCIA - Le indagini della polizia dopo che la 29enne, dopo l’ennesima lite, ha deciso di chiamare il 113 e denunciare la connazionale. Quando i poliziotti sono arrivati in via di Castel Morrone in zona San Giovanni a Roma, indirizzo da cui era partita la segnalazione, hanno preso contatti con la richiedente per cercare di capire i motivi del contendere.

LAVORO QUOTIDIANO - La donna ha spiegato ai poliziotti che da circa due mesi la sua connazionale la faceva prostituire nel suo appartamento in zona Infernetto, dalle ore 10 di mattina all'una di notte, facendogli fare dei massaggi erotici con prestazione sessuale finale. Le somme di denaro pagate dai clienti per il tipo di prestazione, variavano dagli 80 ai 150 euro, denaro che a fine serata la straniera consegnava interamente alla padrona di casa, che in cambio le avrebbe dovuto corrispondere 100 euro al giorno. Secondo il racconto della denunciante la sua connazionale le forniva un letto matrimoniale e all'occorrenza anche dei profilattici.

CENTRO MASSAGGI ALL'INFERNETTO - Raccolti gli indizia gli agenti del commissariato lidense hanno deciso di entrare nel centro massaggi del litorale romano per procedere al controllo ed hanno constatato  che effettivamente una delle camere era attrezzata per ricevere clienti. In un cassetto della stessa gli investigatori hanno sequestrato anche una somma di denaro e un profilattico.

SFRUTTAMENTO PROSTITUZIONE - Le due donne, identificate e accompagnate in ufficio sono state ascoltate nuovamente e al termine degli accertamenti per la padrona dell’appartamento, una romena di 31anni, è scattata la denunciata in stato di libertà per il reato di sfruttamento della prostituzione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infernetto: denuncia la collega che non le paga lo 'stipendio' da prostituta
RomaToday è in caricamento