menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cani bruciati nell'incendio a Ponte Marconi: una roulotte per Rita

Rita Sanzi verrà dimessa a breve dall'ospedale Sant'Eugenio, dove è stata ricoverata dopo il rogo avvenuto lo scorso 19 luglio. Feder Fida: "Siamo soddisfatti, non starà più sotto un ponte"

Rientrerà dall'ospedale Sant'Eugenio tra poche ore, Rita Sanzi, la donna rimasta ustionata nell'incendio divampato a Ponte Marconi lo scorso 19 luglio. Rita, una signora di sessantuno anni, ne ha vissuti la metà abitando le strade e i ponti della Capitale. La sua ultima casa, il ponte su Lungotevere degli Inventori, è stata data alle fiamme, insieme ai suoi nove cani, rimasti uccisi nel rogo.

USTIONI PER SALVARE I CANI - Nel tentativo di salvarli, la donna ha riportato diverse ustioni di secondo e terzo grado che hanno reso necessario un intervento e il ricovero in ospedale. Durante la permanenza di Rita al Sant'Eugenio, l'associazione Feder FIDA ha messo insieme una squadra di volontari che a turno hanno dato da mangiare ai suoi animali. Nel frattempo anche il Comune si è prodigato per lei, installando una roulotte nel territorio del River Ranch, il maneggio appena confinante con il Ponte incendiato.

UNA ROULOTTE PER RITA: FEDER FIDA RINGRAZIA LE ISTITUZIONI - Non sarà un lieto fine, ma è senz'altro un buon inizio per la signora Rita, che, al rientro a casa, troverà una roulotte ad accoglierla e non un campo aperto. Lo aveva promesso, Maurizio Veloccia, presidente dell'XI Municipio, dopo essersi recato a trovare la donna e averne segnalato la situazione agli organi di competenza. "Siamo soddisfatti - dichiara Loredana Pronio, presidente di Feder FIDA, - le Istituzioni hanno accolto il nostro appello e si stanno occupando di Rita". Loredana e la sua associazione in questi giorni si sono presi cura delle colonie di animali di cui di solito è Rita ad occuparsi: "Vorremmo ringraziare l'Amministrazione - continua la Pronio, - perché non sarà una casa, ma almeno avrà un tetto sotto cui vivere in attesa di un'altra sistemazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento