Cronaca

Nemi, cadavere riaffiora dal lago: sarebbe di una trans scomparsa a gennaio

Il magistrato ha disposto l'autopsia

Il lago di Nemi

Un cadavere è stato recuperato nel pomeriggio nel lago di Nemi, sui Castelli Romani. A notare il corpo riaffiorato dall'acqua è stato un pescatore. Potrebbe trattarsi di Ximena Garcia, una transessuale argentina scomparsa alla fine di gennaio. Il corpo è in avanzato stato di decomposizione ma sarebbe stato possibile riconoscere i tratti di un tatuaggio simile a quello che aveva la 32enne sulla schiena. Da una prima analisi non sono stati riscontrati segni di violenza.

Sul posto i carabinieri della compagnia e del nucleo investigativo di Velletri. Il magistrato ha disposto l'autopsia. Della sua scoparsa si era occupata anche la trasmissione 'Chi l'ha visto' che aveva intervistato il marito, un uomo residente a Lanuvio. Per avere la certezza dell'identità bisognerà attendere gli esiti dell'autopsia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nemi, cadavere riaffiora dal lago: sarebbe di una trans scomparsa a gennaio

RomaToday è in caricamento