Unabomber: intercettata busta esplosiva a Rieti, salgono a dieci i casi

Proseguono gli accertamenti per fare luce sull’accaduto. In Procura la pista ritenuta più valida rimane quella legata ad anarchici

Immagine di repertorio

Dieci pacchi bomba. Unabomber allarga il raggio d’azione. Dopo le buste esplosive recapitate a Roma e Viterbo un decimo plico è stato individuato ed isolato al centro smistamento delle Poste di Rieti nella giornata di ieri.

Ad allertare le forze dell’ordine i dipendenti dell’ufficio con l’intervento poi degli artificieri. Nel frattempo proseguono le indagini per dare un nome ed un volto a chi ha confezionato ed inviato i plichi in queste ultime due settimane, con 4 buste che hanno ferito alle mani i destinatari che hanno aperto le buste. 

Gli investigatori, Ros e Digos, coordinati dal procuratore aggiunto Francesco Caporale e dal pm Francesco Dall'Olio, stanno cercando un legame con l'autore del gesto, che potrebbe conoscere i destinatari così come non sapere chi siano. Gli ultimi plichi sono stati intercettati e disinnescati nei centri di smistamento di Fiumicino, TivoliRonciglione e Rieti. In Procura la pista ritenuta più valida rimane quella legata ad anarchici.

Dieci i pacchi recapitati a partire dallo scorso 2 marzo quando tre donne vennero ferite a distanza di poche ore al centro smistamento postale di via Capannini a Fiuimicino, a Colle Salario ed alla Balduina. Il giorno dopo un quarto pacco, recapitato ad un uomo all’Aurelio e non aperto dallo stesso memore di quanto accaduto il giorno prima con il ferimento delle tre donne.

Il sesto pacco è stato invece intercettato lo scorso 9 marzo a Palombara Sabina, Comune della provincia romana, destinato ad un uomo che lavora come portiere in uno stabile di Ponte Milvio, a Roma nord. Insospettito dal mittente, una donna con il suo stesso cognome, l'uomo lo consegnò ai carabinieri della locale stazione che accertarono la natura esplosiva della busta, confezionata allo stesso modo delle altre. 

Ai primi sei pacchi ne hanno fatto seguito altri 4 scoperti fra il 10 e l’11 marzo. A Fabrica di Roma, dove è rimasta ferita la mamma del destinatario, al centro smistamento delle Poste di via Empolitana a Tivoli, ancora a Fiumicino, a Rieti ed infine ancora nella Tuscia, nello specifico a Ronciglione

In particolare il pacco intercettato al centro smistamento di Ronciglione era per Francesco Chiricozzi, ex militante di Casapound, condannato in primo grado a 3 anni per stupro di gruppo. Come mittente sulla busta c'era il nome dell'avvocato che aveva difeso Riccardo Licci, condannato per la stessa vicenda della violenza sessuale a un pub di Viterbo. Sul plico c'era scritto come mittente Valerio Mazzatosta, il difensore che in realtà si chiama Marco Valerio Mazzatosta.

Sembrerebbe avvalorata dunque la pista anarchica che seguono gli inquirenti per la serie di pacchi bomba inviati nei giorni scorsi tra Roma e Viterbo. Fra questi infatti, c'è anche il plico recapitato in via Cardinal San Felice, nella zona di via Baldo degli Ubaldi, all'Aurelio, all'avvocato che in passato difese il capitano delle SS Erich Priebke.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sono addolorato e questa busta è l'effetto della campagna fatta all'epoca della vicenda. Quelli che vediamo sono i frutti. Io ho la schiena dritta, ma ho due figli piccoli e per loro ho paura. La deontologia però prevale sulla paura". Le parole all'Adnkronos dell'avvocato Marco Valerio Mazzatosta. "Sul pacco come mittente risultavo io, ma ci sono errori grossolani. Si capisce subito che è un falso - spiega il legale - Sulla busta c'è scritto 'Valerio Mazzatosta', io mi chiamo invece 'Marco Valerio Mazzatosta'. Inoltre il plico è a nome mio, ma io non ho mai difeso Chiricozzi, io difendevo Licci". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento