Anche il bus 64 nell'allerta di Londra: "Basterebbero più controlli sul mezzo"

Lo ha segnalato il Foreign Office ai turisti britannici tra le situazioni a cui stare attenti. Ma i romani che lo prendono da anni lo sanno bene: "Qui i furti sono all'ordine del giorno"

"Fate attenzione sui mezzi pubblici e nelle aree affollate a Roma, soprattutto attorno alla stazione principale di Termini e sul bus 64". Già, che il mezzo più assaltato dai turisti, quello che da Termini porta al Vaticano, fosse anche meta preferita di ladruncoli e borseggiatori non importava che ce lo dicesse il ministero degli Esteri britannico. 

L'allarme del Foreign Office, che ha fatto infuriare il sindaco Marino, ha messo in guardia i suoi cittadini dai rischi di essere derubati per le strade della Capitale, e transitando nel suo scalo ferroviario centrale. Ma non solo, il dito è puntato anche su un autobus ben noto ai romani e alle cronache locali. Una vera calamita per i ladruncoli pronti ad aggirare le centinaia di turisti che lo affollano ogni giorno.  

Sì perché non c'è momento in cui il 64 viaggi vuoto. E i borseggiatori nel fiume di stranieri che si accalcano sul bus trovano pane per i loro denti. "Si sta come sardine sempre, io lo prendo da anni ormai perché lavoro in via delle Fornaci e arrivo con la metro a Termini - racconta Alessandro, uno dei tanti passeggeri abituati al caos - ti posso assicurare che è un vero incubo". Specie d'estate, quando si boccheggia, e il mezzo si trasforma in un girone infernale. 

Donne con le borse strette al petto e uomini con le mani sulle tasche che cercano disperatamente uno spazio vitale. "Ormai lo so bene come funziona qui, cerco di non distrarmi mai e di stare sempre attenta" spiega rassegnata Martina, anche lei passeggera abituale del mezzo. E chi è abitutato, e sa a cosa va incontro, forse si salva. Ma i turisti, spesso assorti nelle meraviglie romane che scorrono dal finestrino o immersi in guide e mappe, sono le prede per eccellenza. 

Certo, qualche controllore in più non guasterebbe. "Qui non si vede mai nessuno, si sa che i furti sono all'ordine del giorno, perché non rafforzare i controlli almeno su questa linea più critica di altre?" tuona Marco, vittima un mese fa di uno dei tanti blitz sul bus. "Mi hanno sfilato il portafogli, ero al telefono, e pressato dagli altri passeggeri, non mi sono accorto di niente lì per lì, ma ne sono certo perché lo avevo in tasca". Identiche le parole di Giulia: "Non ci sono controllori, mai. Salgo su questo autobus da anni e ne vedrò un paio l'anno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento