rotate-mobile
Cronaca

Buche e voragini, l'allarme: "Dissestato il 30 per cento delle strade romane"

Il dato è di Federconsumatori Lazio che dopo il crollo del 3 gennaio sul litorale torna a denunciare le pessime condizioni in cui versano le strade della Città Eterna

Da una buca a una voragine a una strada letteralmente collassata. Via Antonio Zanotti, a Ostia, è a rischio crollo. L'ennesimo "cratere" si è aperto il 3 gennaio sull'asfalto. Uno dei tanti, troppi, che puntellano vie e piazze della Capitale. "Si calcola, da segnalazioni degli utenti, che almeno il 30% delle strade di Roma sia interessata da dissesti, rotture o buche stradali". A lanciare un allarme ormai noto è Federconsumatori Lazio. L'associazione torna a chiedere un intervento immediato da parte del Comune, per porre fine ad una situazione ormai fuori controllo.

"L'esasperazione in cui sono costretti i cittadini romani non può diventare normalità. Dal centro alle periferie le strade sono ridotte ad un colabrodo e i rischi per la sicurezza di automobilisti, ciclisti, motociclisti e pedoni sono diventati insostenibili". Già, ogni giorno i romani che viaggiano si vedono costretti a cimentarsi in pericolosissimi slalom per evitare buche e voragini, compromettendo la sicurezza stradale di tutti. Un quadro che comporta "costi evidenti, che ovviamente i cittadini devono affrontare puntualmente di tasca propria, riparando le vetture danneggiate dal dissesto stradale creato da anni di inefficiente amministrazione". 

"Ad alimentare le preoccupazioni - prosegue Federconsumatori - specialmente nelle periferie, nonostante gli investimenti, ci sono anche i rischi di crolli, dovuti ad un dissesto talmente elevato da provocare voragini nell'asfalto, come emerso nei giorni scorsi a Ostia. Sono decine di milioni di euro, infatti, le spese che il comune impiega per gestire le migliaia di strade di Roma. Ma dei benefici i circa 1 milione e settecentomila automobilisti romani non se ne accorgono affatto; tanto meno i motociclisti"

Un dato su tutti dovrebbe spingere al cambio di passo. "È bene ricordare che Roma Capitale d'Italia (insieme a Bologna) detiene un triste primato, il tasso di mortalità più alto dello stivale: la media nazionale è 4,5 vittime ogni 100mila abitanti, nella Capitale sono 6. Tale cifra fa ancora più spavento se si considera l'incremento degli ultimissimi anni poichè nel 2014 era 5,4"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buche e voragini, l'allarme: "Dissestato il 30 per cento delle strade romane"

RomaToday è in caricamento