rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca

Passa l'alluvione, restano le buche: strade come groviera, è emergenza

"A rischio", secondo il Codacons "l'incolumità di automobilisti e motociclisti". In caso di danni ai propri mezzi causati da buche stradali, l'associazione offre supporto a cittadini e motociclisti

L'allerta meteo è cessata ma in compenso dilaga la polemica sui danni provocati dall'alluvione degli scorsi giorni. La denuncia è partita questa volta dal presidente della Codacons, Carlo Rienzi, che ha puntato il dito contro la condizione delle strade di quasi tutti i quartieri della Capitale, trasformate in "pericolose groviere", mettendo così a rischio l'incolumità di automobilisti e motociclisti.

RECORD DI BUCHE SULL'ASFALTO - "A Roma si registra in queste ore un vero e proprio record di buche sull'asfalto, con i cittadini che oramai, non potendo più evitarle, sono costretti a scegliere la buca meno profonda da attraversare" spiega Rienzi. "Una situazione che, oltre a rappresentare una vergogna, crea danni alle autovetture e ai motociclisti, causando forature, rotture dei cerchioni o degli pneumatici, guasti alle sospensioni".

RISARCIMENTO DANNI - "Per tale motivo", continua Rienzi, "abbiamo deciso di fornire assistenza ai cittadini della Capitale: chiunque subisse un danno alla propria autovettura o al proprio motociclo determinato da una buca stradale, può rivolgersi alla nostra associazione per avere assistenza e avanzare richiesta di risarcimento danni al Comune di Roma".

PRIMA PORTA - Secondo Rienzi, infatti, la responsabilità del cattivo stato delle strade romane è da attribuire all'amministrazione capitolina e al susseguirsi di rattoppi superficiali dell'asfalto, insufficienti a risolvere in modo definitivo il problema delle buche in città. Il Codacons lancerà inoltre domani un'azione legale in favore degli abitanti e degli esercenti di Prima Porta, dove gli allagamenti di abitazioni ed esercizi commerciali sarebbero legati al ritardo nell'apertura della diga.

STRADE DI ROMA COME QUELLE DI BEIRUT - Ma la Codacons non è l'unica a polemizzare sul cattivo stato delle strade capitoline. Ieri la denuncia di Stefano Pedica in cui il coordinatore di Cantiere Democratico aveva paragonato le strade della Capitale a quelle di Beirut.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passa l'alluvione, restano le buche: strade come groviera, è emergenza

RomaToday è in caricamento