Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

La pioggia apre nuove buche e complica il piano Marshall: per Roma un lunedì al rallentatore

Traffico in tilt. Tante le segnalazioni di nuovi e vecchi crateri

Pioggia e buche trasformano il lunedì mattina dei romani in un incubo. Il peggioramento meteo su Roma e sul Lazio in mattinata ha mandato in tilt la viabilità in città.  E' una Roma al rallentatore quella che si affaccia sulla nuova settimana. Complice le precipitazioni abbondanti che imperversano da ieri in molte strade sono tornati protagonisti i crateri. I rattoppi a freddo in molti casi sono saltati e nuove buche si sono aperte. Il risultato è una viabilità letteralmente impazzita. 

Situazione critica all'Eur 

Chiusa al traffico causa dissesto stradale via di Malafede fra Via Vincenzo Borghini e Via Ostiense. Sempre nel IX municipio le situazioni più critiche con decine di strade chiuse al traffico proprio a causa delle buche. Qui, in questo territorio, dove ironia della sorte si lavora alacremente per rendere un biliardo il tracciato di gara della Formula E, tante da gennaio ad oggi le determine emesse dal comandante della Polizia Locale per chiudere le strade e per istituire il limite di velocità a 30 all'ora. Oltre 15 le determine dirigenziali emerse. Alla base la presenza di buche e l'impossibilità, per il personale ridotto, di poter presidiare le buche stesse. 

Colpite anche grosse arterie. Oltre a via di Malafede, ultima in ordine di tempo, era toccato a via Ostiense, via di Vigna Murata (strada in gran parte ricadente nel municipio VIII), via Laurentina. Coinvolti tutti i quadranti del municipio, dal Laurentino a Spinaceto, fino alle strade adiacenti a quelle del futuro gran premio. 

La pioggia riapre le buche 

La decisione di intervenire con interventi a freddo si scontra oggi con il maltempo. L'asfalto, letteralmente sbriciolato, sta presentando il conto: veri e propri crateri sono tornati i protagonisti della viabilità. Sulla Collatina, tra via dell'Acqua Vergine e Tor Sapienza, i rattoppi hanno retto tre giorni. Ieri matttina una vera e propria gimkana per evitare i crateri. Cambio di quadrante e stesso scenario: a Roma Nord crateri a Prima Porta, Labaro fino a Ponte Milvio. Al Tiburtino Torraccia "è letteralmente bombardata", segnala un nostro lettore.

Le segnalazioni dei lettori

E proprio dai lettori arriva un grido disperato. Strade, grandi e piccole, trasformate in percorsi ad ostacoli dove si lavora per non finire nelle buche. Riempite d'acqua, sembrano di piccola entità. In realtà sono spesso profonde. Buche vengono segnalate sulla Tangenziale, all'altezza dell'uscita Salaria in direzione stadio Olimpico. In periferia è disperato il grido d'allarme di zone come Tor Sapienza e Tor Tre Teste dove le segnalazioni si moltiplicano di ora in ora, e riguardano diverse strade. A Cinecittà est ridotte malassimo via Antonio Ciamarra e via Libero Leonardi. Non va meglio alla Montagnola dove le strade, quando non "bucate" sono vere e proprie ragnatele dove le precipitazioni fanno breccia e fanno saltare pezzi d'asfalto. Per segnalare le buche il numero whatsapp della redazione di Romatoday è 345.1709348.

Gli interventi 

Ricordiamo che l'amministrazione Raggi, in piena emergenza, aveva lanciato un piano Marshall, annunciando il rattoppo di 50.000 buche con 17 milioni di euro. Interventi in via Tuscolana, via Appia Nuova, via Casal del Marmo, corso Francia e via Flaminia Nuova, via del Castro Pretorio, via Galbani, via Colli Portuensi, viale Ionio e via Ugo Ojetti, via Cassia Nuova e via di Valle Aurelia. Due interventi di manutenzione straordinaria, per un totale di 2 milioni di euro, riguarderanno Via Ostiense e via Nomentana. L'assessora Gatta aveva parlato di due mesi per uscire dall'emergenza. La speranza è che le condizioni meteo aiutino e i rattoppi reggano. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La pioggia apre nuove buche e complica il piano Marshall: per Roma un lunedì al rallentatore

RomaToday è in caricamento