menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bruciano plastica, rifiuti e polistirolo: arrestati nonno e nipote

L'area è stata sottoposta a sequestro in attesa dei prelievi che saranno svolti a cura del personale dell'Arpa

Hanno bruciato una serie di rifiuti in un'area verde. A scoprire il rogo tossico appiccato da nonno e nipote, sono stati i carabinieri della compagnia di Civitavecchia che, nel pomeriggio di ieri, li hanno arrestati per il reato di combustione illecita di rifiuti.

I militari sono intervenuti in un'area campestre situata lungo la strada provinciale che conduce a Tolfa, dove avevano notato una importante cortina di fumo che si alzava in cielo. I carabinieri si sono immediatamente recati nell'area in questione e hanno individuato il punto di provenienza del fumo, che si sprigionava dall'area di pertinenza di proprietà del comune di Tolfa e assegnata in locazione.

Sul posto i militari hanno sorpreso un 86enne e la nipote 27enne, mentre erano stavano bruciando una grande quantità di materiale plastico e polistirolo che era stato incendiato mediante del liquido infiammabile. I militari hanno inoltre rinvenuto numerosi rifiuti di ogni genere accatastati all’interno dell’area.

Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco di Cerveteri che hanno provveduto a spegnere il rogo. L'area in questione è stata sottoposta a sequestro in attesa dei prelievi che saranno svolti a cura del personale dell'Arpa Lazio nonché da parte della Asl a causa della presenza di alcuni animali da allevamento.

Al termine degli accertamenti, nonno e nipote sono stati arrestati e, su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, sono stati tradotti presso le rispettive abitazioni rimanervi in regime di arresti domiciliari, per il reato di combustione illecita di rifiuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento