Esercito Strade Sicure: la Brigata Sassari cede il comando alla Brigata Julia

Il passaggio di consegne tra il comandante della brigata “Sassari”, il generale Andrea Di Stasio, e il comandante della brigata “Julia”, il generale Alberto Vezzoli

Il generale di corpo d'armata Rosario Castellano tra il generale di brigata Andrea Di Stasio (dx) e il generale di brigata Alberto Vezzoli (sx

Cambio al vertice di Strade Sicure con la Brigata Sassari che ha ceduto il comando alla Brigata Julia. Oltre 5mila persone identificate, più di 150 interventi di ordine pubblico, un considerevole quantitativo di sostanze stupefacenti sequestrato, trenta arresti per diverse tipologie di reato e altrettante denunce a piede libero, ma anche centinaia di interventi in soccorso di cittadini e turisti colti da malore o vittime di incidenti stradali: sono i numeri dell'operazione “Strade sicure” sotto il comando della brigata “Sassari”, duemila uomini e donne dell'esercito impegnati a garantire giornalmente la sicurezza di 161 siti ed obiettivi sensibili, presenti in maggioranza nella capitale. 

Stazioni ferroviarie e metropolitane, ambasciate, luoghi di culto – tra i quali rientrano alcuni presidi nelle adiacenze della Città del Vaticano e delle basiliche papali – siti turistici e di interesse storico della città di Roma (12 dei quali dichiarati dall’Unesco patrimonio dell’umanità), porti ed aeroporti, centri di accoglienza, la baraccopoli di via Salviati e l'impianto di trattamento e smaltimento rifiuti di Rocca Cencia, nella periferia est della capitale.

E’ qui che i militari hanno operato per garantire la sicurezza dei cittadini attraverso servizi di vigilanza e attività di perlustrazione in concorso e congiuntamente alle forze di polizia finalizzate al controllo del territorio, al contrasto alla criminalità e alla prevenzione di attacchi terroristici. Dopo cinque mesi a Roma, la brigata “Sassari” ha ceduto la guida del raggruppamento “Lazio Abruzzo” agli alpini della brigata “Julia”. 

Il passaggio di consegne tra il comandante della brigata “Sassari”, il generale Andrea Di Stasio, e il comandante della brigata “Julia”, il generale Alberto Vezzoli, è avvenuto oggi nella caserma “Gandin”, quartier generale del raggruppamento. L'operato della brigata “Sassari”, caratterizzato da un costante aumento delle attività dinamiche e dal controllo dell’area della baraccopoli di via Salviati, è stato elogiato dal comandante delle forze operative sud, generale di corpo d’armata Rosario Castellano. 

"A Roma, una piazza particolarmente impegnativa, sono stati conseguiti risultati di assoluto spessore - ha affermato il generale Castellano -. Tutto questo è merito della preparazione e del duro lavoro portato avanti in questi mesi e della perfetta integrazione tra la componente militare e gli organi istituzionali della capitale". 

L’impiego dell’esercito nella zona di Tor Sapienza si era reso necessario per via della situazione di emergenza venutasi a creare nell’area. Deciso dal Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, l’intervento ha avuto come obiettivo quello di prevenire rischi ambientali e contrastare il fenomeno dei roghi tossici, conseguenza del traffico e dello smaltimento illecito di rifiuti. 

I militari del raggruppamento “Lazio Abruzzo” hanno operato congiuntamente alla polizia locale ostacolando qualsiasi attività illecita, scongiurando il pericolo di roghi tossici e garantendo la sicurezza degli operatori dell’Ama, l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti nella capitale. Un altro presidio fisso dell’esercito è attivo da alcuni giorni presso il Tmb di Rocca Cencia, l'impianto di trattamento e smaltimento rifiuti di proprietà dell'Ama. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo ha deciso il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che il prefetto di Roma ha riunito il 6 giugno scorso a Palazzo Valentini. L’obiettivo è quello di garantire la sicurezza dello stabilimento, dopo che un incendio era divampato all’interno dell’impianto il 24 marzo scorso causando il blocco temporaneo della struttura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

  • Coronavirus, a Roma città 25 nuovi positivi al Covid19: 34 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento