Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Bracconiere nella riserva naturale, cacciava di frodo uccidendo animali dopo lunga agonia

Il 56enne utilizzava dei lacci creati con dei cavi di acciaio che uccidevano le prede per dissanguamento o strangolamento

I lacci usati come trappole dal bracconiere arrestato dai carabinieri a Monterano

Cacciava di frodo nella area proibita della Riserva di Monterano, utilizzando una tecnica vietata e particolarmente crudele; esche e lacci creati con cavi d'acciaio che uccidono indiscriminatamente animali selvatici, domestici e di specie protette, infliggendo loro una lunga agonia. Infatti, gli esemplari che finiscono in queste trappole, trovano la morte solo dopo ore di sofferenze, per dissanguamento o strangolamento.

Nel corso di servizi mirati alla tutela dell’ambiente, i carabinieri della Sezione Radiomobile insieme al personale “Guardiaparco” di Canale Monterano, hanno sorpreso il bracconiere, un 56enne del posto, proprio nel momento in cui stava posizionando la sua ultima trappola.

Cacciatore frodo Monterano 1-2

Al termine della successiva perquisizione presso l’abitazione dell’uomo, i militari hanno rinvenuto e sequestrato un altro laccio metallico ed un fucile da caccia regolarmente detenuto.

Il cacciatore è stato, infine, denunciato in stato di libertà di all’Autorità Giudiziaria, per violazione dell’esercizio venatorio.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bracconiere nella riserva naturale, cacciava di frodo uccidendo animali dopo lunga agonia

RomaToday è in caricamento