Cronaca

Botti fine anno, Anaspol: "A Capodanno mani al sicuro"

Il vademecum per evitare possibili tragedie legati ai fuochi artificiali per salutare il 2013. "Le prime vittime sono i bambini"

Un capodanno sicuro per evitare la solita tragica conta dei feriti legati all'esplosione dei botti di fine anno. Questa la campagna "A Capodanno mani al sicuro", lanciata dall'Anaspol (Associazione Nazionale delle Polizie Locali). "Le prime vittime dei botti di Capodanno sono proprio i bambini, nella notte incolpevoli spettatori dei giochi di sprovveduti familiari ed amici e nei giorni successivi raccogliendo da terra botti trovati inesplosi, finiscono cosi in ospedale con dita, mani ed occhi irrimediabilmente danneggiati".

ANASPOL - A parlare il presidente dell'Anaspol e Funzionario della Polizia Roma Capitale presso la Sezione di Polizia Giudiaruia della Procura della Repubblica Alessandro Marchetti che prosegue: "Per questo l'Anaspol, Associazione Nazionale delle Polizie Locali, si impegna ogni anno per la prevenzione attraverso l’informazione, quest’anno affidata ad alcuni bambini mentre mostrano le loro mani, come a ricordare agli adulti di non voler farsele prendere e di metterle al sicuro".

VADEMECUM MANI AL SICURO - Questi "i consigli utili per grandi e piccini per un Capodanno con le mani al sicuro" di Alessandro Marchetti:

- Acquistare i botti solo dai commercianti autorizzati (mai ambulanti);

- Non comprare prodotti senza etichetta con l'autorizzazione del Ministero dell'Interno (numero del decreto ministeriale che ne autorizza il commercio; il nome del prodotto; la ditta produttrice, la categoria e le modalità d'uso che devono essere seguite attentamente);

- Fare attenzione ai prodotti provvisti della marcatura CE, simbolo utilizzato sia dalla Comunità Europea (la C e la E sono  distanziati tra loro tanto che potrebbe entrare un’altra lettera) che dalla Chinese Export (la C e la E sono vicini). In quest’ultimo caso i prodotti possono essere pericolosi;

- Usare i fuochi d'artificio all'aperto;

- Ripararsi in un posto sicuro quando qualcuno usa i fuochi d'artificio;
- Non raccogliere i fuochi non esplosi;
- Non manipolare o accorpare i fuochi tra loro;
- Allontanarsi quando la miccia è stata accesa;
- Non mirare mai contro le persone o le finestre e i balconi dei palazzi vicini;
- Tieni candeline o stelline lontano dai vestiti, dalle tende, divani e dagli occhi.
- Quando usi i fuochi non mettere indumenti di pile, di fibra sintetica o acetati
- In caso di malfunzionamento di un prodotto pirotecnico non toccatelo e non vi avvicinate, potrebbe esplodere.
- Non sparare con fucili, pistole e anche armi giocattolo.
- Evitare di trasportare materiale pirotecnico in macchina.
- Non maneggiare mai fuochi in prossimità di fiamme libere o vicino liquidi o contenitori di gas infiammabili.
- I giochi pirotecnici di libera vendita (Cat. 1) possono essere acquistati da tutti coloro che hanno più di 14 anni nei negozi con licenza per la vendita di giocattoli, quelli di Cat. 2 sopra i 18 anni.
- Nessun gioco pirotecnico è destinato ai bambini (sotto i 14 anni)
- La vendita del "pallone di Maradona", della bomba "Osama Bin Laden" o la “Kamikaze”  sono assolutamente vietate

BOMBE CARTA - Le bombe carta del genere proibito piu’ diffuse che possono causare gravi ustioni, perdita di arti o persino della vita sono: la Cipolla, contiene 125 gr circa di materiale esplodente; la Mezza botta contiene 45 gr circa di materiale esplodente; il Track con tronetto contiene  6 gr circa di materiale esplodente; il Track vecchia generazione contiene 7 gr circa di materiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botti fine anno, Anaspol: "A Capodanno mani al sicuro"
RomaToday è in caricamento