Nettuno: rompe naso e mandibola della fidanzata 17enne per gelosia

L'aggressione ieri sera in via Scipione Borghese. Ricoverata con 30 giorni di prognosi la giovane la denuncia nei confronti del 21enne è stata sporta dai genitori della vittima

Così tanto annebbiata dal suo amore da negare di essere stata malmenata. Violenze a Nettuno contro una ragazza minorenne picchiata a sangue dal fidanzato 21enne per gelosia. E' accaduto ieri sera in via Scipione Borghese quando una pattuglia delle volanti del commissariato di Anzio, diretto dal Primo Dirigente Fabrizio Mancini, nel transitare la strada, hanno notato un gruppo di persone che richiamava la loro attenzione.

RAGAZZA IN TERRA SANGUINANTE - Si sono avvicinati e, scesi dal mezzo, hanno visto la 17enne seduta a terra, con il volto coperto di sangue e, vicino a lei un ragazzo che la sorreggeva. Alla richiesta degli Agenti, la giovane, in evidente stato di agitazione, ha dichiarato di essersi procurata quelle lesioni cadendo accidentalmente a terra.

TESTIMONI - I poliziotti però non convinti delle dichiarazioni fornite dalla giovane, peraltro minorenne, hanno iniziato a sentire i testimoni presenti sul posto. Dalle dichiarazioni di alcuni di questi, è emerso che poco prima, alcuni di loro avevano visto la ragazza camminare a piedi piangente con le mani sul volto sporche di sangue. Dall’altra parte del marciapiede, il giovane, che era presente lì con lei in quel momento, era stato visto allontanarsi per poi  ritornare sui suoi passi. Si era avvicinato alla ragazza cercando di abbracciarla ma lei lo aveva respinto cercando di divincolarsi.

TUNISINO DI 21 ANNI - I poliziotti, insospettiti,  hanno così proceduto ad identificare il giovane, un tunisino di 21 anni, che, come accertato successivamente, risultava avere vari precedenti di Polizia. Accompagnato presso gli uffici del Commissariato di Anzio, gli Agenti hanno accertato che l’uomo, già nel mese di aprile era stato arrestato per rapina e lesioni nei confronti di una anziana donna.

FIDANZATO GELOSO - Sentita la giovane ricoverata in ospedale, contrariamente a quanto dichiarato in precedenza, ha ammesso che le lesioni le erano state procurate dal fidanzato che l’aveva colpita con alcuni pugni sul volto a seguito di una discussione per motivi di gelosia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

30 GIORNI DI PROGNOSI - In seguito alle lesioni, la ragazza ha riportato la frattura delle ossa nasali e della mandibola con una prognosi di 30 giorni. In merito a quanto accadutole non ha voluto presentare alcuna denuncia cosa che invece ha fatto il genitore. Il fermato è stato così arrestato per le lesioni aggravate nei confronti della minore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento