Bimbo di 19 mesi in prognosi riservata per intossicazione da hashish: arrestati gli zii

Il piccolo, di 19 mesi, è stato portato nella sera di ieri. I poliziotti hanno arrestato gli zii e denunciato i genitori

Un bambino di 19 mesi è ricoverato in prognosi riservata al Policlinico Gemelli di Roma per un'intossicazione da hashish. A portarlo in ospedale è stata la madre che aveva inizialmente chiesto aiuto ai medici dell'ospedale San Camillo.

Il bimbo, dopo essere stato trasferito, si trova in prognosi riservata e non sarebbe in pericolo di vita. Sul posto, allertati dal personale medico, gli agenti del commissariato Colombo che hanno fatto scattare le perquisizioni in casa dei genitori, in zona Garbatella, dove sono stati ritrovati 200 grammi di cocaina, un coltello a serramanico e alcuni bilancini di precisione.

In manette sono quindi finiti gli zii del bambino, ovvero i fratelli della madre tra cui un minore, per detenzione e spaccio di droga. I genitori del piccolo intossicato, il papà di 39 anni e la madre di 25, entrambi italiani, sono stati denunciati per il reato di lesioni. Indaga sul caso la Polizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale a Roma, bomba d'acqua sulla città: tre stazioni metro chiuse. Strade allagate

  • Palazzina a rischio crollo: evacuate 24 famiglie a Ciampino

  • Viabilità: le strade chiuse per sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre

  • All'Outlet di Castel Romano ora si va in metro: ecco la navetta e il nuovo nome di Eur Palasport

  • Omicidio Luca Sacchi, 5 misure cautelari. Nello zaino di Anastasia 70mila euro per 15 chili di droga

  • Nubifragio a Roma, città allagata dopo due ore di pioggia: sotto accusa il piano foglie che non c'è

Torna su
RomaToday è in caricamento