Cronaca piazza del Popolo

Più cari e a prova di "portoghese": al via i biglietti "on the road"

L'iniziativa è stata presentata a piazza del Popolo dall'amministratore delegato dell'Atac Carlo Tosti. Si chiamano "biglietterie mobili" e vendono biglietti per strada oltre a fornire info sul servizio agli utenti

Più cari sì ma anche a prova di evasore.  E' in arrivo un'altra novità nel trasporto pubblico della capitale: dopo l'aumento del prezzo del biglietto a 1,50 euro, in programma per inizio estate, sono in arrivo i tickets “on the road”, anche dette, “biglietterie mobili”.

 COSA SONO - I nuovi mezzi, per ora due, partiti in maniera sperimentale, serviranno anche a ridurre la cosiddetta "evasione di necessità" di chi viaggia a bordo del Tpl senza titoli perché non riesce a trovare i biglietti.  L'iniziativa è stata presentata a Piazza del Popolo dall' amministratore delegato dell'Atac, Carlo Tosti, dal direttore generale Antonio Cassano e dall'assessore capitolino alla Mobilità, Antonello Aurigemma. Le biglietterie mobili, le prime di una serie di esemplari che Atac ha in progetto di realizzare, sono state ricavate da due bus Gulliver a trazione elettrica, 'salvati' dalla rottamazione e trasformati dalla maestranze delle office centrali Atac in 'stazioni mobili' per la vendita dei biglietti per bus, tram e metro.


A COSA SERVONO - L'obiettivo, come spiegano dall'Atac, è "avvicinare l'azienda ai bisogni specifici dei cittadini in movimento", ma non solo.  "Abbiamo immaginato queste strutture anche come presidio aziendale a disposizione dei clienti per informazioni e assistenza - spiega Tosti -. Una customer care on the road che con il passare del tempo ambisce a diventare un punto di riferimento cittadino". Restano confermati, poi, gli aumenti del ticket, con inevitabili code polemiche. "Prevediamo prima della pausa estiva di rendere operativo il Bit a 1.50 euro e tutti gli altri aumenti - ha detto Tosti - Qualche giorno fa l'assessore alla Mobilità della Regione Lazio ha confermato che il 28 dicembre la Regione ha deliberato in maniera definitiva la nuova manovra tariffaria".

POLEMICA - "Mentre la Giunta Polverini aumenta il costo del biglietto, le tratte regionali sono sempre più degne di un Paese del quarto mondo. Continuano infatti i disservizi e i viaggi da incubo sulle tratte regionali di competenza Trenitalia", attacca il capogruppo Pd al Consiglio regionale del Lazio Esterino Montino sottolineando che "la linea Fr6, la Roma-Cassino si contraddistingue per intollerabili ritardi". "Dopo le parentopoli e gli sprechi nella municipalizzata romana, è davvero poco cercare di indorare la pillola dell'aumento del biglietto, presentando due biglietterie mobili ricavate da bus salvati dalla rottamazione", conclude il senatore dell'Italia dei Valori Stefano Pedica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più cari e a prova di "portoghese": al via i biglietti "on the road"

RomaToday è in caricamento