rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca

Bebe Vio derubata ai Parioli, l'appello disperato ai ladri: "Fatemi riavere la tesi"

La campionessa di fioretto ha subìto il furto di un borsone che aveva in macchina. All'interno il computer portatile con la tesi per la laurea alla John Cabot University

“A te, che ora hai il computer, ti prego di farmelo riavere o almeno di inviarmi in forma anonima il file con la mia tesi”: l’appello arriva dalla campionessa paralimpica di fioretto, Bebe Vio, cui nella notte tra giovedì e venerdì è stata rubato dall’auto un borsone con dentro anche il computer portatile.

Il furto è avvenuto intorno alle due in viale Parioli, dove Vio aveva lasciato parcheggiata la sua Smart. La macchina è stata aperta da ladri che vedendo il borsone se ne sono subito impossessati: all’interno c’erano diversi dispositivi elettronici, compreso anche il computer che contiene la tesi e gli appunti dell’atleta, laureanda alla John Cabot University in Comunicazione e relazioni internazionali.

“Ero appena tornata dal funerale di nonno”

“Questa è la faccia disperata di una persona cui hanno rubato la borsa, tra l’altro vi ringrazio perché ero appena tornata dal funerale di nonno - ha detto Vio in un video appello condiviso su Instagram - Non mi interessa della borsa e di ciò che è dentro, potete tenervi tutto, ma per favore dentro la borsa c’era il computer con la mia tesi scritta e finita, io la devo consegnare ed è impossibile iniziare di nuovo a lavorarci. Ci sono anche tutti gli appunti di un’altra classe, 4 mesi di appunti, se sei il ladro e stai guardando questa cosa, ti prego fammi riavere la mia tesi e gli appunti, mi devo laureare tra poco e non voglio non laurearmi per questo”.

“A te che ha il computer: inviami la tesi in forma anonima”

“A te, che ora hai il computer, ti prego di farmelo riavere o almeno di inviarmi in forma anonima i file con la mia tesi, alla mail info@art4sport.org - conclude l’atleta 25enne, disperata - Trovi tutto sul desktop del computer nella cartella 'JCU'. Nonostante tutto, te ne sarei immensamente grata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bebe Vio derubata ai Parioli, l'appello disperato ai ladri: "Fatemi riavere la tesi"

RomaToday è in caricamento