rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

La banda dei napoletani incubo degli anziani, 34 vittime in due mesi. Bottino 120mila euro

Nove le persone che dal capoluogo partenopeo noleggiavano auto per raggirare nonni e nonne nella Capitale

Sciacalli urbani. Una banda di napoletani specializzata nelle truffe agli anziani. Trentaquattro le vittime - ma potrebbero essere molte di più - raggirate con tutto il repertorio delle pantomime messe in scene dall'associazione per delinquere, dal finto avvocato all'incidente capitato al figlio o al nipote. Decine di nonni e nonne ingannate nella Capitale facendo leva sulla sfera emotiva, sulla loro buona fede. Truffe per decine di migliaia di euro. In due mesi di "lavoro" il gruppo era riuscito ad accumulare un bottino di circa 120mila euro. A decapitare la banda i carabinieri, che hanno arrestato nove persone, tutte campane.  Dominus dell'organizzazione criminale un uomo conosciuto come "Leone", riuscito a scampare all'arresto e considerato dagli inquirenti promotore e capo dell'associazione, nonché organizzatore dell'attività criminosa, il quale selezionava gli obiettivi da colpire ed impartiva disposizioni operative ai suoi "emissari". 

La banda dei napoletani 

Le indagini dei carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Frascati hanno consentito di raccogliere elementi indiziari in ordine al ruolo degli indagati che in batterie composte da due persone, partivano tutti i giorni da Napoli con auto prese a noleggio. Le vittime venivano scelte tramite ricerche fatte in internet o sulle pagine bianche, contattate da “telefonisti” e poi raggiunte da “emissari”. Il volume di affari stimato, per le truffe compite in soli due mesi, è di circa 120mila euro in contanti e diverse centinaia di migliaia di euro in oro e altri oggetti di valore.

Roma capitale delle truffe agli anziani: l'identikit del truffatore e tutte le tecniche utilizzate

Nove arresti 

Il blitz degli inquirenti alle prime luci dell'alba, su delega della procura di Velletri, i carabinieri del comando provinciale di Roma, con il supporto dei militari del comando provinciale di Napoli e Torino, hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misura cautelare in carcere – emessa dal gip presso il tribunale di Velletri - nei confronti di 9 uomini di Napoli, gravemente indiziati del reato di associazione per delinquere finalizzata alle truffe in danno di persone anziane (art. 416 c.p.). 

VIDEO | Le truffe riprese con gli smartphone. Voci e immagini durante i raggiri 

34 anziani truffati in due mesi 

Agli indagati, anche se potrebbero essere molti di più per un acclarata reticenza delle vittime a denunciare, sono stati contestati 34 episodi di truffa in danno di anziani (oltre ad una rapina, poiché in un’occasione l’anziano veniva spintonato dal truffatore prima di fuggire), commesse nei mesi di settembre e ottobre 2022, in varie città della provincia di Roma e della provincia di Viterbo. 

Il terreno di caccia 

Nove truffe a Roma, ma anche Palestrina, Vetralla, Ladispoli, Civitavecchia, Guidonia Montecelio, Tivoli, Civita Castellana, Bracciano, Fiumicino, Agosta, Ciampino, Campagnano di Roma, Anzio, Ardea, Ariccia, Rocca di Papa oltre Vetralla, Caprarola e Monte Romano (in provincia di Viterbo) questo il terreno di caccia della banda di "Leone". 34 truffe messe a segno in meno di due mesi (dall'1 settembre al 21 ottobre 2022).  

Le truffe utilizzate 

Fingendosi assicuratore, avvocato o carabiniere, il “telefonista” diceva che un familiare aveva provocato un incidente stradale, che l’assicurazione era scaduta e che, per “sistemare” le cose, era necessario consegnare denaro o gioielli. In seguito un complice passava a prelevarli a casa delle vittime, che solo ore dopo, parlando con il figlio o il nipote in questione, scoprivano il raggiro.

Banda napoletani truffe agli anziani


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La banda dei napoletani incubo degli anziani, 34 vittime in due mesi. Bottino 120mila euro

RomaToday è in caricamento