menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bimbo soffocato all'Ikea: il fegato di Francesco salverà una giovane romana

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla morte del piccolo di 3 anni deceduto al Gemelli. La tragedia si era consumata al ristorante del centro commerciale Porta di Roma

Il suo fegato salverà una giovane ragazza romana mentre i reni saranno trapiantati a persone bisognose in Puglia. A meno di 24 ore dalla morte del piccolo Francesco, il bambino di 3 anni deceduto al Gemelli dopo essere rimasto soffocato mentre mangiava un pezzo di hot dog al ristorante Ikea del Centro Commerciale 'Porta di Roma', la Procura di Roma ha aperto un fascicolo d'indagine.

ACCERTAMENTI - Gli inquirenti della Procura capitolina hanno avviato una serie di accertamenti rispetto alla morte di un bambino di tre anni avvenuta nel pomeriggio di ieri 17 marzo al Policlinico Universitario Agostino Gemelli. Il piccolo ricoverato nel nosocomio romano in prognosi riservata dallo scorso 13 marzo.

AUTOPSIA - Il magistrato di turno ha autorizzato l'espianto degli organi ed ha disposto disposto al tempo stesso l'autopsia. Il pubblico ministero Alberto Galanti attende quindi una relazione medico legale su quanto avvenuto. Nelle prossime ore verrà inoltre disposta una consulenza e acquisita tutta la documentazione disponibile relativa al caso. Chi indaga dovrà poi certamente fare luce sui tempi di soccorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento